Clonare il proprio animale domestico: ora si può e costa 50 mila euro

  • 0
  • 96 visualizzazioni

Dopo il celebre caso nel 1996 della pecora Dolly, in cui i ricercatori scozzesi Keith Campbell e Ian Wilmut  riuscirono per la prima volta a clonare un mammifero da una cellula somatica, la pratica della clonazione ha acquisito notorietà tanto da ricorrervi per la riproduzione di razze equine, che vengono in seguito rivenduti a cifre che raggiungono il milione di euro.

Particolare risonanza ha ottenuto negli ultimi mesi una notizia che viene dalla Spagna: in Andalusia nella clinica Overclone è possibile congelare le cellule dell’animale che si vuole clonare al prezzo di 3 mila euro, seguendo un procedimento che prevede l’estrazione di un campione di Dna dal tessuto cutaneo che, in unione con una cellula uovo di un donatore, genera un embrione contenente il materiale genetico necessario alla clonazione. Tale embrione viene in un secondo momento trasferito in una femmina, la quale partorirà un esemplare molto somigliante all’originale. Tuttavia, sono ancora ignoti gli aspetti che concernono l’indole dell’animale, il suo comportamento o la possibilità che sviluppi patologie debilitanti che gli conferiscano una vita più breve; tale aspetto suscita di frequente dilemmi di ordine etico fra gli scienziati e nell’opinione pubblica. Vi è, infatti, una schiera che sostiene i vantaggi di tale pratica, come la possibilità di sradicare una malattia da una razza animale, facendo così riprodurre solo le migliori, al contrario della controparte che evidenzia i rischi di attingere a simili procedure di manipolazione genetica.

La pratica è estesa da anni anche ai più diffusi animali da compagnia, con i quali conviviamo fra le pareti domestiche, come il gatto, per cui la clonazione nella penisola iberica si aggira intorno ai 50 mila euro, e il cane che, invece, richiede una spesa minima di 55 mila euro. È noto che una clinica di Marbella, località in provincia di Málaga, ha dato alla luce con l’ausilio di tale metodologia cinque cloni di un gatto.
Maria Elide Lovero
Artemisia Gentileschi, una “passione estrema”
Articolo Precedente Artemisia Gentileschi, una “passione estrema”
Il 9 luglio 118 d.C. Adriano veniva incoronato ufficialmente imperatore
Prossimo Articolo Il 9 luglio 118 d.C. Adriano veniva incoronato ufficialmente imperatore
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.