Il 9 luglio 118 d.C. Adriano veniva incoronato ufficialmente imperatore

  • 0
  • 78 visualizzazioni

La storia romana, estesasi per ben tredici secoli, consta di diverse età: la monarchica, che racchiude gli eventi dalla genesi della città, avvenuta secondo Marco Terenzio Varrone il 21 aprile 753 sulla base dei calcoli dell’astrologo Lucio Taruzio, e la successione ancora oscura dei re, che difficilmente poterono essere soltanto 7 in un lasso di tempo di oltre duecento anni; l’epoca repubblicana, iniziata nel 509 a.C. a seguito del sovvertimento della monarchia etrusca e della cacciata dell’ultimo re, Tarquinio il Superbo, e l’ascesa dei primi due consoli Lucio Giunio Bruto e Lucio Tarquinio Collatino; si tratta di un fase densa di eventi a noi noti grazie al ricchissimo patrimonio storiografico, letterario, archeologico ed epigrafico cui possiamo attingere.

L’imperatore Adriano

Infine, si staglia nel panorama storico per la risonanza ottenuta l’età imperiale, il cui inizio si pone nel 31 a.C., data della battaglia di Azio che vide Ottaviano trionfare sul rivale Antonio, o secondo altri storici nel 27 a.C., anno della celebre seduta del Senato in cui Ottaviano ricevete gli onori, fra cui spiccò il titolo di “Augustus”, dal significato di “venerabile”, che da allora accompagnerà il nome di tutti gli imperatori.

Il 9 luglio del 118 d.C., in particolare, Publio Elio Traiano Adriano rientrò vittorioso a Roma dalla Siria, dove fu a lungo impegnato in azioni militari contro i Parti, per farsi incoronare ufficialmente dal Senato. Il suo regno durò sino al 138 d.C. ed egli è considerato uno dei cinque imperatori che governò con giustizia, assieme a Nerva, Traiano, Antonino Pio e Marco Aurelio.
Come è noto, la sua politica fu volta al consolidamento delle frontiere dell’impero, che in quegli anni aveva raggiunto la sua massima espansione, attraverso la realizzazione di costruzioni di contenimento della minaccia della popolazione barbara dei Pitti: si pensi al Vallum Hadriani, fortificazione di pietra situata in Inghilterra e lunga 117 km, e al Fossatum Africae, volto a proteggere la frontiera meridionale dell’impero ed esteso dall’attuale Marocco all’Egitto per un totale di 4000 km complessivi.
Il suo operato fu contraddistinto, dunque, dalla politica di pace esterna e interna e da una marcata saggezza amministrativa. Ad oggi lo ricordiamo come un provinciale originario della Betica, che aveva accolto nel corso della sua vita stimoli e influssi frutto di numerose culture, i quali lo avevano reso non solo un abile e moderato uomo politico, ma anche un musicista, letterato, esteta raffinato e grande amante della civiltà greca.
Ha acquisito fama mondiale il romanzo epistolare pubblicato nel 1951 da Marguerite Yourcenar, dal titolo “Memorie di Adriano”, in cui l’imperatore, ormai in punto di morte, nella finzione letteraria si rivolge al nipote Marco Aurelio. In esso Adriano confessa di sentirsi vicino alla fine, privo di buona salute, espone riflessioni sull’amore, il piacere, la cultura greca e condivide ricordi lontani, in lui ancora molto vivi. Non mancano sezioni in cui riporta alla memoria il proprio operato per l’Urbe e il fallimento della politica di pace, stante la preoccupazione per le rivolte in Giudea. A tali stimolanti scorci fa seguito una rassegnata accettazione della propria morte, descritta con venature poetiche. Tale opera ha, senza dubbio, contribuito a conferire alla figura di Adriano un valore non solo storico, ma anche poetico e filosofico, stante la profondità e l’originalità di numerose meditazioni in essa contenute, che riprendono, a tratti fedelmente, la sua figura poliedrica e saggia.
Maria Elide Lovero
Clonare il proprio animale domestico: ora si può e costa 50 mila euro
Articolo Precedente Clonare il proprio animale domestico: ora si può e costa 50 mila euro
Racconti dalla Puglia abbandonata – Palazzo Casamassimi a Bari Vecchia
Prossimo Articolo Racconti dalla Puglia abbandonata – Palazzo Casamassimi a Bari Vecchia
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.