Il 21 novembre la Fondazione Gaber incontra gli studenti dell’Università Aldo Moro

  • 0
  • 249 visualizzazioni

In occasione dei vent’anni dalla scomparsa di Giorgio Gaber, sulle orme del successo degli appuntamenti nelle università di Napoli, Milano, Firenze, e Genova, la Fondazione Gaber promuove nelle principali università italiane una serie di incontri e convegni con l’obiettivo di coinvolgere in modo trasversale tutte le facoltà umanistiche. Il progetto presenta un doppio intento: da una parte vuole far conoscere il Teatro-Canzone di Gaber presso il pubblico più giovane; da un’altra, vuole mostrare l’attualità del pensiero di Gaber e il suo incredibile valore formativo.

L’attività artistica di Gaber ha avuto inizio alla fine degli anni ’50 ed è terminata nel 2003, anno della sua prematura scomparsa. Nei suoi vent’anni di attività la Fondazione Giorgio Gaber si è costantemente impegnata nel diffondere e far apprezzare la vita e l’opera dell’artista attraverso pubblicazioni editoriali, attività didattiche, mostre, festival, rassegne, incontri e spettacoli teatrali.

Il primo incontro in Puglia si terrà a Bari, martedì 21 novembre alle ore 15.30 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro (Via Scipione Crisanzio, 1 – Bari), un evento speciale dedicato al Signor G, con letture, filmati e riflessioni sulla sua opera.

Interverranno: Prof. Stefano Bronzini, Magnifico Rettore; Prof. Paolo Ponzio, Direttore del Dipartimento di Ricerca e Innovazione Umanistica; Paolo Dal Bon, Presidente Fondazione Gaber; Lorenzo Luporini, Fondazione Gaber; Francesco Maggiore, Fondazione Dioguardi; Prof. Lorenzo Mattei, Università degli Studi di Bari Aldo Moro; Prof. Dino Mignogna, Università degli Studi di Bari Aldo Moro; Prof.ssa Maria Grazia Porcelli, Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Simone Lucarelli

Scoperta nuova lingua indoeuropea in Turchia
Articolo Precedente Scoperta nuova lingua indoeuropea in Turchia
ACLI: la povertà è un fenomeno costantemente in crescita
Prossimo Articolo ACLI: la povertà è un fenomeno costantemente in crescita
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.