La Touring Juvenatium e la scuola

  • 0
  • 343 visualizzazioni

Conclusi i numerosi eventi estivi, la Touring Juvenatium riprende la programmazione delle prossime attività, prime fra tutte quelle in collaborazione con le scuole primarie dei due Istituti Comprensivi di Giovinazzo.

In un mondo caratterizzato da continue trasformazioni, l’educazione alla cittadinanza globale nella scuola è fondamentale per lo sviluppo di un’etica della partecipazione attraverso esperienze significative, cui concorrono le aree del sapere.

Da sempre fucina di una serie di iniziative volte a trasmettere conoscenze anche ai più piccoli per creare un legame con il proprio territorio, anche quest’anno, la Touring Juvenatium ha presentato due progetti con chiare finalità educative e ricreative per dare continuità a quanto realizzato nelle edizioni precedenti.

Il primo progetto, giunto alla seconda edizione, è indirizzato ai bambini di quarta classe dei due Istituti Comprensivi di Giovinazzo ed ha come titolo “Esperienze d’arte – un’esperienza creativa”; tale progetto è ispirato all’artista Amedeo Modigliani e alle sue opere e sarà sviluppato dall’artista e pittrice Elisabetta Raguseo. Conoscere, osservare, elaborare ed ovviamente divertirsi con l’utilizzo di gessetti colorati, matite e del semplice cartoncino nero permette di scoprire ed affinare le proprie capacità. Siamo certi che l’esperienza artistica stimoli la creatività e favorisca l’autostima del bambino che a termine del progetto ne sarà soddisfatto e felice; da qui deriva l’importanza del progetto stesso. A conclusione dello stesso le opere realizzate dai piccoli artisti saranno esposte in una mostra organizzata ad hoc.

Mentre per gli alunni di quinta classe dei due Istituti Comprensivi di Giovinazzo la Touring Juvenatium ripropone il progetto “Il Nonno mi Racconta”, giunto all’ottava edizione; titolo del progetto quest’anno è “Nonno, quando avevi la mia età…?”. Tale progetto ha l’obiettivo di onorare e salvaguardare il patrimonio culturale rappresentato dai nonni/bisnonni ed è propedeutico alla cultura popolare, con lo scopo di promuovere e mantenere viva la passione e la valorizzazione delle nostre più genuine radici; mira oltretutto alla conoscenza della storia, al recupero della cultura, delle tradizioni, degli usi e dei costumi della nostra terra, da fonti dirette (nonni/bisnonni). La chiave di lettura scelta quest’anno è quella dell’intervista: com’è stata l’infanzia dei nonni/bisnonni senza internet, senza telefoni, senza social e senza tutte le cose che i bambini hanno al giorno d’oggi; saranno proprio gli alunni a scoprirlo intervistando i loro nonni/bisnonni e sarà inevitabile fare confronti che offriranno un interessante spunto di riflessione nella scoperta dei nostri usi e costumi che sono patrimonio culturale e che permettono ad una comunità di consolidare la propria identità e l’appartenenza alla propria terra e alle proprie radici. Infatti è importante che una comunità abbia piena consapevolezza del proprio passato e della propria storia, allo scopo di vivere meglio il presente e di avere uno sguardo più chiaro nel futuro.

L’Associazione Touring Juvenatium ODV conferma così il suo motto, quello di essere “un’associazione che è sempre…in cammino”

Il presidente dell’Associazione

Vito Fumai

Il Centro Direzionale di Napoli: il primo agglomerato di grattacieli d’Italia
Articolo Precedente Il Centro Direzionale di Napoli: il primo agglomerato di grattacieli d’Italia
La prima donna laureata al mondo: Elena Lucrezia Cornaro Piscopia
Prossimo Articolo La prima donna laureata al mondo: Elena Lucrezia Cornaro Piscopia
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.