Il mito del mandorlo nella Grecia antica

  • 0
  • 211 visualizzazioni

Famoso in tutto il mondo, il mandorlo è un albero dai significati molteplici, capace di ispirare storie ed usanze in molti popoli.

Nella Grecia antica, ad esempio, esso dava origine al mito di Acamante e Filide.

Agli arbori della guerra di Troia, Acamante, un guerriero greco, si trovò a sostare con l’esercito in Tracia, ove conobbe Filide, la principessa del luogo. I due si innamorarono al primo sguardo, ma Acamante dovette ripartire subito per Ilio.

Filide decise di aspettarlo, però dopo dieci anni, a guerra conclusa, nessuno era tornato da lei: questa mancanza fece nascere un dolore nella donna così profondo che in breve tempo morì.

La dea Atena, che aveva assistito a tutta la storia d’amore, si impietosì e, per renderle onore, la trasformò in un mandorlo. Acamante, in realtà, era ancora vivo, e dopo essere giunto in Tracia e aver appreso la notizia della dipartita, abbracciò l’albero con tutto l’amore che provava. In quell’esatto momento dai rami pieni di foglie nacquero bellissimi fiori rosa, simbolo della potenza generatrice della natura.

Simone Lucarelli

Il Kursaal Santalucia, una delle meraviglie del Miglio dei Teatri di Bari
Articolo Precedente Il Kursaal Santalucia, una delle meraviglie del Miglio dei Teatri di Bari
Prima presentazione del libro “I fatti d’Armenia 1895-1896 e l’assassinio di P. Salvatore Lilli”
Prossimo Articolo Prima presentazione del libro “I fatti d’Armenia 1895-1896 e l’assassinio di P. Salvatore Lilli”
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.