XXXII domenica del tempo ordinario

  • 0
  • 27 visualizzazioni

Di per sé il mistero della morte, anche secondo il cristianesimo, è difficile da comprendere, eppure le figure di Giobbe e dei Maccabei sono dei modelli di fede perché, pur non avendo conosciuto Cristo, hanno compreso che la fedeltà di Dio si estende al di là della morte e che Adonai è il Dio della Vita. Il Vangelo di oggi porta a compimento la speranza della risurrezione nutrita dai nostri padri, in quanto è lo stesso Gesù ad indicarci che siamo fatti per vivere in Dio, secondo il cielo. Essere figli della risurrezione vuol dire vivere nella storia di irruzione del Dio Vivente nel mondo, e compiere ogni singolo atto in vista del nostro destino eterno.

Se perdiamo la nostra spinta verticale, perdiamo tutto: la morte diventa così un passaggio necessario, doloroso, mentre la vita viene vista come un precipitarsi continuo verso il nulla.
Tutto perderebbe valore e noi diventeremmo come i sadducei della Scrittura, affannati, cioè, a ricercare qui sulla terra le ragioni del nostro esistere e le soluzioni incerte ai problemi che la morte porta con sé.

Preghiamo con il ritornello del salmo: Ci sazieremo, Signore, contemplando il tuo volto, perché il Signore ci faccia pregustare la bellezza e il dono gratuito della vita eterna nella Parola e nell’Eucaristia domenicale.

XXXIII domenica del tempo ordinario
Articolo Precedente XXXIII domenica del tempo ordinario
XXXI domenica del tempo ordinario
Prossimo Articolo XXXI domenica del tempo ordinario
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.