XXXI domenica del tempo ordinario

  • 0
  • 22 visualizzazioni

Il Vangelo di questa domenica ci dona tante chiavi di lettura: una, a mio parere, riguarda il nostro essere stati creati da Dio come uomini sempre amabili, nonostante il nostro peccato.
Zaccheo è un uomo disprezzato dagli altri, uno colluso col potere romano, che, una volta incontrato Gesù, fa emergere tutto il suo bene e il suo senso di giustizia.

Il Signore lo riconosce come figlio di Abramo, come uno amabile ai suoi occhi, contrariamente alla vista offuscata di coloro che lo giudicano.
È sempre il Signore a guardare Zaccheo per primo, ed è sempre lui a guardare e ad amare noi, oggi, tutte le volte in cui disprezziamo noi stessi e gli altri.
Se avessimo gli occhi di Dio potremmo vedere, senza più dubitare, come siamo realmente preziosi, amabili e creati per la vita piena dalle mani di un Dio d’amore.

Preghiamo, questa domenica, perché abbandoniamo i sicomori dei giudizi negativi contro di noi per entrare nella nostra casa, nel nostro cuore, il luogo dove Dio ci salva.

XXXII domenica del tempo ordinario
Articolo Precedente XXXII domenica del tempo ordinario
Altra delega a consigliere di maggioranza
Prossimo Articolo Altra delega a consigliere di maggioranza
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.