XXIX domenica del tempo ordinario

  • 0
  • 23 visualizzazioni

Un interrogativo apparentemente semplice, che ci tocca da vicino, è questo: cosa è la preghiera?

Il Vangelo di questa domenica si apre con un invito a pregare sempre, senza stancarsi mai. “Io prego perché vivo e vivo perché prego” diceva non molto tempo fa Romano Guardini, lasciando intendere che ciò che ci anima, ci dà vita, è il dialogo intimo con il Signore.

Non una ripetizione di formule asettiche, ma un incontro. La preghiera è l’incontro del nostro cuore con la grandezza di Dio, di un Padre che vuole toccare il nostro “io” più profondo, per mostrarci la sua fedeltà.
Questa è proprio la caratteristica di Dio: la sua fiducia sempre accordata all’uomo, anche quando egli viene meno.

È compito di noi cristiani “importunare” Dio con la preghiera, non per abbassarlo alle nostre volontà, ma per sentirlo sempre vicino, perché questo nostro dialogo con lui ci aiuti a comprendere il disegno che ha per ciascuno, la strada della felicità.
Paolo, nella seconda lettura, invita Timoteo a rimanere saldo in ciò che ha appreso. Se costruiamo la nostra vita, la nostra casa sulla roccia sulle sue Parole, resisteremo a tutte le intemperie della vita.
Se diciamo ogni giorno il nostro Amen, parola che indica le fondamenta, al Signore sappiamo che le nostre preghiere sono ascoltate e amate dal Padre.

Ci ha lasciati Gerardo
Articolo Precedente Ci ha lasciati Gerardo
Restyling dello storico palazzo del capitano, l’antica Sede Municipale
Prossimo Articolo Restyling dello storico palazzo del capitano, l’antica Sede Municipale
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.