XXVII domenica del tempo ordinario

  • 0
  • 22 visualizzazioni

Che gli uomini di fede sono persone deboli, che si affidano più a Dio che alle grandi capacità scientifiche e tecnologiche del mondo, e che scommettono tutta la loro esistenza su qualcosa di utopico e non tangibile.
La fede è una dinamica essenziale per tutti gli uomini, perché presuppone uno slancio del cuore verso qualcosa o qualcuno.

Essa, paragonabile al granello di senape della pericope evangelica di questa domenica, se piccola e umile e se non si fa grande, permette all’uomo di guardare ai luoghi delle oppressioni fisiche ed esistenziali come campi in cui la speranza fiorisce spontaneamente.
Un cristiano senza speranza, che vede nel passato il tempo perfetto, dimenticandosi dell’agire di Dio in ogni momento della storia, non sarà mai in grado di fortificare la sua fede anche in vista del futuro ultimo.

Cristo Risorto ci chiama, oggi più che mai, a testimoniare la nostra fede, la nostra personalissima e unica risposta a Lui, seminando la speranza nella carità, per dire a tutto il mondo che “siamo servi inutili!”, cioè persone autentiche a servizio di Dio e della Chiesa.

Restyling dello storico palazzo del capitano, l’antica Sede Municipale
Articolo Precedente Restyling dello storico palazzo del capitano, l’antica Sede Municipale
Un parcheggio pubblico al posto dell’ex edificio “scuola materna Giuseppina Pansini” in via Fossato
Prossimo Articolo Un parcheggio pubblico al posto dell’ex edificio “scuola materna Giuseppina Pansini” in via Fossato
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.