Dal 16 aprile è attivo in Puglia il numero unico di emergenza europeo

  • 0
  • 106 visualizzazioni

È stato istituito anche in Puglia il numero unico di emergenza europeo, il 112, noto con l’acronimo Nue, che permetterà di contattare e richiedere l’intervento dei carabinieri (112), della polizia di stato (113), del soccorso sanitario (118), dei vigili del fuoco (115) e della guardia costiera (1530). Il Nue sarà attivo inizialmente nelle province di Bari e Brindisi; ciononostante, i numeri delle singole autorità rimarrano ancora attivi nella regione, ma a recipire le richieste di intervento sarà la Centrale unica di risposta (Cur) Nue 112, inserita nel dipartimento della Protezione Civile, per cui si adopereranno 126 unità di categoria B3, impiegate a seguito di relativo concorso istituito dalla Regione Puglia nel dicembre 2023. Tali unità presteranno servizio presso le sedi della Cur di Modugno, Foggia e Campi Salentina.

Agli operatori assunti è stata impartita una formazione finalizzata alla gestione delle chiamate di soccorso che giungono e alla successiva assegnazione agli Enti predisposti ad intervenire, grazie ad una precisa localizzazione dei luoghi e l’ausilio di interpreti dinnanzi a cittadini stranieri. La Centrale unica di risposta del Nue 112 sarà attiva h24 e sette giorni su sette.
Secondo le direttive stabilite dall’Unione Europea, il Nue offre la totale gratuità della chiamata, la fruibilità per i portatori di disabilità, il servizio multilingua e un servizio utile ad una precisa localizzazione della chiamata.
Inoltre, in caso di aumento considerevole del numero delle chiamate per emergenza diffusa sul territorio, ad esempio in caso di terremoti e alluvioni, è garantita la distribuzione del flusso di telefonate ricevute da una sola centrale ad altre presenti nella medesima regione o in altre diverse.
Dal 16 aprile, dunque, sarà disponibile, in concomitanza ai preesistenti numeri di emergenza, il Nue, limitatamente ai distretti telefonici di Bari (080) e Brindisi (0831). Non oltre il 28 maggio il servizio verrà esteso in tutte le province pugliesi, a partire da Foggia in data 30 aprile.
Maria Elide Lovero
Il 16 aprile 1071 termina il dominio bizantino nel Meridione
Articolo Precedente Il 16 aprile 1071 termina il dominio bizantino nel Meridione
“Divina Commedia e Sacra Scrittura” di Antonio Calisi in dialogo a Giovinazzo (BA)
Prossimo Articolo “Divina Commedia e Sacra Scrittura” di Antonio Calisi in dialogo a Giovinazzo (BA)
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.