La Comunità di Gesù di Bari compie 40 anni

  • 0
  • 516 visualizzazioni

Sono passati 40 anni da quando nell’ambito del Rinnovamento Carismatico Cattolico italiano, nacque nel giorno di Pentecoste del 1983, presso l’Abbazia Benedettina di Santa Scolastica in Bari, la Comunità di Gesù, Associazione Internazionale di fedeli della Chiesa Cattolica dedita all’Adorazione, all’Evangelizzazione e alla Riconciliazione dei Cristiani. Fondata da Matteo Calisi, con il sostegno della moglie Giovanna De Pascalis, presero ben presto parte un gruppo di adolescenti, tra cui Antonio Calisi, e alcuni rappresentanti di altre chiese cristiane che crearono la base su cui si sarebbe in seguito edificata la Comunità.

L’anniversario sarà celebrato presso la Sede Internazionale in via San Tommaso d’Aquino, 10d Bari nei giorni sabato 17 e domenica 18 Giugno 2023.

L’apertura della Commemorazione prevede la Celebrazione delle Lodi mattutine presieduta da Mons. Giovanni Ricchiuti Arcivescovo-Vescovo della Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e la meditazione “L’impegno ecclesiale della Comunità di Gesù” di Mons. Mario Paciello Vescovo emerito della Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e Consigliere Spirituale della Comunità di Gesù. A seguire numerose testimonianze di coloro che hanno vissuto e fatto esperienza delle attività evangelizzatrici di questa Comunità che ha visto nell’arco di pochi anni diffondersi in numerose diocesi in Italia e nel mondo ricevendo riconoscimenti dalle autorità ecclesiastiche locali.

Il primo Decreto Episcopale di riconoscimento canonico, a soli cinque anni dalla Fondazione, risale al 1 gennaio 1988 a firma del Vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, Mons. Tarcisio Pisani, o.m. primo Assistente Ecclesiale della Comunità di Gesù. Il 20 dicembre del 1998 Mons. Mario Paciello, avvicendatosi a Mons. Agostino Superbo alla guida della diocesi, promulgò i Decreti definitivi di erezione canonica e il nuovo Statuto della Comunità di Gesù, dotandola di Personalità Giuridica Ecclesiastica.

La Comunità di Gesù in questi anni ha visto una crescita considerevole sia in Italia che all’estero fondando sedi anche in Argentina, Brasile, Stati Uniti, Inghilterra, Angola, Albania, Romania e Bielorussia, tutte riconosciute dalle autorità ecclesiastiche competenti. A Buenos Aires fu accolta e riconosciuta con Decreto Episcopale dall’allora Cardinale Jorge Mario Bergoglio, Arcivescovo Metropolita e Primate della Chiesa Argentina.

In Angola, in modo particolare, le vengono affidate parrocchie e missioni e un Centro Pastorale intitolato a San Nicola di Bari nella Missione di Chamavera, Comune di Dirico per la promozione sociale e l’evangelizzazione. Sono presenti 19 sedi locali della Comunità di Gesù distribuite in nove diocesi di cui sette erette canonicamente dagli Ordinari diocesani. La Conferenza Episcopale dell’Angola e San Tomé (CEAST) ha riconosciuto canonicamente la Comunità a livello nazionale a causa della sua crescita numerica e delle vocazioni al sacerdozio, è stato costituito un Segretariato Nazionale a Benguela e la Casa di Formazione dei Seminaristi della Comunità di Gesù “San Cirillo d’Alessandria”, in Luanda.

In Inghilterra, nella città di Woking, vi è anche una Comunità di Gesù nella tradizione anglicana guidata dall’Arcivescovo Sean Larkin della United Anglican Church, Province II.

Infatti, sin dall’inizio, la Comunità ha mostrato un’esplicita vocazione ecumenica e ha favorito la rimozione di quegli ostacoli che impediscono la piena e visibile unità dei cristiani, ricevendo importanti contributi da altri membri di chiese e di comunità cristiane. Numerosissime sono le testimonianze a livello nazionale e internazionale per l’impegno ecumenico profuso. Fra queste il dialogo con i pentecostali, con le nuove chiese carismatiche e non-denominazionali, con gli ortodossi e con gli ebrei messianici. Da decadi svolge dei Meeting ecumenici in Italia e Stati Uniti denominati “Kairòs” (2000). Vanno anche annoverati i Dialoghi tra cattolici ed Ebrei Messianici (2002).

Martina Ragone

MotoE: Torres e Garzo prevalgono al Sachsenring
Articolo Precedente MotoE: Torres e Garzo prevalgono al Sachsenring
Il Casale di Balsignano a Modugno
Prossimo Articolo Il Casale di Balsignano a Modugno
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.