I sette sapienti dell’antichità greca: Solone di Atene

  • 0
  • 163 visualizzazioni

Solone nacque ad Atene nel 640 a.C. presso la famiglia aristocratica dei Medontidi.

Entrò in politica verso il 600 svolgendo subito un ruolo importante. In quegli anni, infatti, Atene e Megara si contendevano l’isola di Salamina, ma la situazione, che era in un punto morto a causa di una legge che condannava a morte tutti gli ateniesi desiderosi di vincere, fu sbloccata proprio da Solone. Egli fingendosi pazzo -per non essere perseguito-, declamò in pubblico un’elegia con lo scopo di aizzare i combattenti; la strategia funzionò e il nostro, nominato a capo dell’esercito, conquistò l’isola temporaneamente.

Verso il 590 poi fu eletto arconte “pacificatore” (dal greco διαλλακτής) con l’obiettivo di appianare gli scontri sociali tra la classe aristocratica e il popolo: riformò il sistema monetario e abolì la schiavitù per debiti, divise il popolo in classi di reddito e creò due nuove istituzioni popolari, il consiglio dei quattrocento, la boulè, e il tribunale popolare, l’Eliea; inoltre, fece scrivere le leggi su delle tavolette di legno che poi furono affisse per la città.

Solone, come si evince dai numerosi versi conservati, credeva nell’equilibrio tra le parti: evitava qualsiasi estremismo, sia in politica sia nella quotidianità, e per questo alcuni gli attribuirono impropriamente una delle massime delfiche più importanti di tutta la grecità: “μήδεν ἄγαν”, nulla di troppo.

Simone Lucarelli

Il Teatro “Umberto Giordano” di Foggia
Articolo Precedente Il Teatro “Umberto Giordano” di Foggia
La Chiesa di Ognissanti di Cuti, antico edificio di Valenzano
Prossimo Articolo La Chiesa di Ognissanti di Cuti, antico edificio di Valenzano
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.