La nobile arte del combattimento: il pancrazio

  • 0
  • 325 visualizzazioni

Genitore comune di quasi tutti gli sport da combattimento occidentali è il pancrazio, un’arte talmente popolare nell’antica Grecia da divenire specialità olimpica nel 648 a.C.

I lottatori, Gustave Courbet

Il termine pancrazio significa letteralmente onnipotenza: la parola nasce dall’unione di πάν (tutto) e κράτος (forza) e infatti l’obiettivo degli atleti era quello di sottomettere l’avversario per dimostrare la propria superiorità.

I lottatori combattevano nello Skamma, un ring coperto di sabbia largo circa tre metri, e completamente nudi, cosparsi solo con l’olio d’oliva che li proteggeva dalle abrasioni e dal sole cocente, dato che gli incontri si svolgevano prevalentemente in estate. Non c’erano regole ferree, come accade negli sport da combattimento odierni, ma gli unici divieti erano quelli di cavarsi gli occhi, colpire i genitali e tirare morsi; in caso di trasgressione delle regole l’arbitro o l’allenatore di turno poteva frustare il pancratista.

Non esistevano round e limiti di tempo: lo contro terminava se uno dei due partecipanti alzava il dito indice come segno di resa, oppure quando uno dei due moriva.

Il pancrazio costituiva un elemento fondamentale dell’educazione della classe aristocratica greca prima, e romana poi: si praticò infatti sino al 392 d.C., anno in cui l’imperatore Teodosio promulgò una serie di decreti che, tra le altre cose, sospendevano i giochi olimpici perché considerati di derivazione pagana.

Simone Lucarelli

Pasqua, riti e tradizioni nel mondo
Articolo Precedente Pasqua, riti e tradizioni nel mondo
Supereroi senza mantello: Lucia Pisapia Apicella
Prossimo Articolo Supereroi senza mantello: Lucia Pisapia Apicella
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.