I Sette Sapienti dell’antichità greca: Talete di Mileto

Chi sono i fondatori del pensiero occidentale? Scopriamoli insieme.

  • 0
  • 121 visualizzazioni

Nel tempo molti uomini sono stati definiti saggi, ma solo sette sono stati riconosciuti come sapienti dalla tradizione antica.

Essi sono i Sette sapienti e in questa breve rubrica cercherò di delinearne il pensiero e il lascito nella filosofia successiva.

Replica del 130-140 d.C. di un busto greco

Ma prima di iniziare: chi ha deciso che questi sette uomini potessero essere definiti tali?

La risposta con certezza non si sa poiché, almeno all’inizio, l’elenco era tramandato oralmente. La prima traccia scritta l’ha lasciata Platone che nel Protagora, un dialogo sull’insegnabilità o meno della virtù composto dopo il 388 a.C., riportava il seguente elenco:

Talete di Mileto

Pittaco di Mitilene

Biante di Priene

Solone di Atene

Cleobulo di Lindo

Misone di Chene

Chilone di Sparta.

Talete di Mileto

Partiamo dunque dal primo: Talete.

Considerato già dai suoi contemporanei uno degli uomini più colti e saggi dell’intera Grecia, Talete nacque in una ricca famiglia aristocratica di Mileto (penisola anatolica) nel 624 a.C.

Scelse di dedicarsi al commercio, avendo così occasione di conoscere culture diverse e molto più antiche rispetto a quelle greche: famoso è l’aneddoto secondo cui avrebbe predetto l’eclissi solare del 585 a.C. usufruendo delle tabelle degli astronomi caldei.

Ma torniamo a noi. La posizione in cima alla lista non è casuale: la tradizione lo individua infatti come il primo ad essersi posto le fatidiche domande riguardanti l’origine della vita, la composizione della materia e dove tutto finisca una volta sopraggiunta la morte.

Talete provò a darsi risposta indicando l’acqua come archè, ossia come principio generatore di tutto. È grazie all’acqua se le piante crescono, se gli uomini vivono e possono riprodursi; non a caso il filosofo notava come gli organismi una volta morti si disidratino. Ma anche il caldo, che all’apparenza mostra delle caratteristiche opposte, nasce dall’umido, vale a dire dall’acqua in stato aeriforme.

Proprio osservando questa sorprendente capacità dell’acqua, Talete giunse alla conclusione che ogni cosa è manifestazione di un’unica realtà (monismo, dal greco mònos=solo) e che tutto è vivo e possiede un’anima (ilozoismo, dalle parole greche hyle=materia e zoè=vita). La materia quindi non è statica, ma vivente.

L’importanza di Talete non sta tanto nelle conseguenze del suo pensiero, quanto nel modo in cui lo ha elaborato: il filosofo milesio è stato il primo ad andare oltre il mito e ad avvicinarsi al metodo sperimentale, colonna portante della scuola naturalistica di Mileto e della filosofia Occidentale.

Simone Lucarelli

“La La Land” un film da sogno del regista Damien Chazelle
Articolo Precedente “La La Land” un film da sogno del regista Damien Chazelle
[VIDEO] IL VANGELO DIPINTO: Leonardo da Vinci “Adorazione dei Magi” (1481 – 1482), Galleria degli Uffizi, Firenze
Prossimo Articolo [VIDEO] IL VANGELO DIPINTO: Leonardo da Vinci “Adorazione dei Magi” (1481 – 1482), Galleria degli Uffizi, Firenze
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.