L’orsa JJ4 non verrà abbattuta

  • 0
  • 112 visualizzazioni
Negli scorsi mesi ha fatto molto discutere la questione dell’orsa JJ4, la quale nell’aprile del 2023 aveva ucciso un runner di 23 anni in Trentino Alto Adige, suscitando reazioni e giudizi discordanti. Recentemente l’assessore nella Provincia autonoma di Trento Roberto Failoni ha dichiarato in un’intervista rilasciata al corriere del Trentino che l’animale non verrà abbattuto, ma trasferito entro questo autunno nell’Alternativer Wolf and Bear Park, presso la Foresta Nera, situata nel sudovest della Germania.
L’annuncio giunge inaspettato, alla luce del silenzio tenuto riguardo il destino dell’orsa dalla Provincia, la quale si pensava fosse intenzionata ad ucciderla, generando il malcontento e le proteste di numerose associazioni animaliste cui aderiscono un gran numero di persone sensibili alla causa animale ed ambientale. Tali enti avevano suggerito la ricollocazione dell’orsa nel Libearty Sanctuary Zărneşti in Romania, senza tuttavia ottenere alcun riscontro.
Il 30 maggio si svolgerà l’udienza davanti al Consiglio di Stato, afferente al procedimento avviato dalla LAV (Lega Anti Vivisezione) affinchè le autorità competenti provvedessero al celere trasferimento dell’orsa in Romania, coadiuvati dall’associazione stessa.
Massimo Vitturi, responsabile dell’area animali selvatici della Lav, ha confermato la salvezza di JJ4 ed evidenziato come evidentemente ci si è resi conto che un orso non può vivere stabilmente nel Centro di recupero della fauna alpina di Casteller, ma necessiti di sistemazioni più indicate. Il centro del Casteller, infatti, non risulta uno spazio faunistico adeguato per le caratteristiche etologiche della specie viste le sue dimensioni ridotte, pari a 8.000 metri quadri, al cui interno convivono attualmente JJ4 e M49 che, oltre a non poter stare negli stessi luoghi, non possono percorrere le decine di chilometri lungo i quali procedevano nella vita in libertà.
Si auspica che nell’immediato venga ricollocato in un ambiente più congruo anche M49, come annunciato a marzo da Failoni, assessore all’artigianato, commercio, turismo, foreste, caccia e pesca nella Provincia autonoma di Trento.

Maria Elide Lovero
Oscar del Libro 2024
Articolo Precedente Oscar del Libro 2024
Torna fruibile dopo 70 anni “La presa di Cristo” di Caravaggio
Prossimo Articolo Torna fruibile dopo 70 anni “La presa di Cristo” di Caravaggio
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.