Sibilli e Di Cesare mandano il Bari ai playout: Brescia battuto 2-0

  • 0
  • 236 visualizzazioni

L’ultima giornata del campionato di Serie B 2023-24 vede il Bari tornare alla vittoria dopo tre mesi di astinenza. Davanti al proprio pubblico, i biancorossi hanno sconfitto 2-0 il Brescia dell’ex Rolando Maran. Con questo risultato, i galletti si piazzano in graduatoria al diciassettesimo posto e ottengono l’accesso ai playout.

C’è molta tensione al San Nicola per l’ultimo turno della regular season. Dopo l’aggressione subita dal direttore sportivo biancorosso Ciro Polito al rientro dalla trasferta di Cittadella, il numero uno del club Luigi De Laurentiis è finito sotto scorta per prevenire ad altri episodi di violenza. Si registrano 20.000 spettatori di cui 250 tifosi ospiti. Nonostante fossero convocati, Federico Giampaolo deve rinunciare a Brenno e Morachioli, quest’ultimo a causa di un problema alla caviglia. Il quarto allenatore stagionale dei galletti schiera il 4-2-3-1 con Pissardo tra i pali, Pucino, Di Cesare, Vicari e Ricci; in mediana spazio a Maiello e Benali mentre Achik, Acampora e Sibilli agiscono alle spalle di Nasti.

Lo spauracchio retrocessione regala una partenza aggressiva da parte del Bari, di quelle che non si vedevano da molto tempo. Al 10’ minuto di gioco Achik su punizione trova l’ex Benali che manda il pallone sopra la traversa. Il Brescia risponde dopo 60 secondi con Bjarnason ma l’esito è pressoché identico all’iniziativa barese. Il Bari ci prova al 15’ con Sibilli che dalla sinistra si accentra e calcia ma Lezzerini devia in calcio d’angolo; dalla bandierina Achik trova Benali che non centra il bersaglio. Le rondinelle si fanno pericolose con un tiro dalla distanza di Galazzi respinto da Pissardo in corner (23’). Al 26’ Sibilli riceve palla da Ricci, crossa in area per Nasti ma la traiettoria inganna Lezzerini e il pallone finisce in rete. Due minuti dopo Nasti si libera di Papetti e calcia debolmente in porta non creando difficoltà all’estremo difensore ospite. Il Brescia non sta a guardare, così Galazzi ci riprova al 43’ su punizione trovando solo l’esterno della rete.

Nel secondo tempo il Bari raddoppia: al 57’ pennellata di Maiello per Di Cesare che di testa si appoggia la palla sul sinistro e segna la seconda rete consecutiva al San Nicola, la quarta stagionale. A 13 giorni dal suo quarantunesimo compleanno, il capitano biancorosso rafforza il primato di marcatore più anziano della Serie B. Al 65’ un tiro-cross di Bertangoli non trova né la deviazione di Bianchi né la porta biancorossa. Il Bari insiste con Sibilli che calcia dal limite dall’area ma Lezzerini si oppone (71’). Sempre il numero 20 al 78’ minuto riceve palla dal neoentrato Puscas e dal limite dell’area colpisce il palo pieno. I lombardi, nonostante il dominio dei padroni di casa, non si danno per vinti e lo si evince dalla traversa colpita di testa da Olzer all’80’.

Nei giorni precedenti alla partita a Bari si è celebrata la festa di San Nicola. È il caso di dire che il santo protettore della città pugliese ha fatto un vero e proprio miracolo. Quella vista questa sera è stata una squadra diversa da quella che negli ultimi tre mesi è crollata vertiginosamente nelle zone basse della classifica. Cacciato via l’incubo retrocessione diretta, gli uomini di Giampaolo disputeranno i playout contro la Ternana. La gara d’andata si terrà al San Nicola il 16 maggio mentre dopo sette giorni ci sarà il ritorno in casa degli umbri.

Paolo Gabriel Fasano

MotoGP: Jorge Martin vince la sprint a Le Mans, out Bagnaia
Articolo Precedente MotoGP: Jorge Martin vince la sprint a Le Mans, out Bagnaia
Origine dell’espressione “mettere la mano sul fuoco”
Prossimo Articolo Origine dell’espressione “mettere la mano sul fuoco”
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.