Per valorizzare a Bari gli insediamenti ipogei e rupestri e la civiltà bizantina

  • 0
  • 152 visualizzazioni

La Domus Milella e l’Alliance Française di Bari organizzano, il 3 maggio 2024 alle ore 17:30, la conferenza dal titolo “Per valorizzare a Bari gli insediamenti ipogei e rupestri e la civiltà bizantina”. L’evento si terrà presso la Domus Milella in Strada De Gironda, 22 a Bari.

I relatori saranno:

Carlo dell’Aquila, Università degli Studi di Bari e Francesco Carofiglio, Museo Civico di Bari:

“Il fenomeno degli insediamenti ipogei e rupestri a Bari”

Roberta Giuliani, Università degli Studi di Bari e Sandro Sublimi Saponetti, Università degli Studi di Bari:

“Ricerca archeologica e indagini antropologiche per la valorizzazione degli insediamenti ipogei e rupestri”

Antonio Calisi, diacono della Chiesa cattolica di rito bizantino e Chiara Troccoli, ISSRM “San Sabino” di Bari:

“Insediamenti ipogei e rupestri e civiltà, religiosità ed espressività artistica bizantine”

Nino Greco, Archeoclub “Italo Rizzi” di Bari:

“Ipogei e chiese rupestre di Bari: un patrimonio dimenticato e suo tragico e prevedibile finale”

Mauro Saito, Docomomo, Italia seziorte Basilicata Puglia ETS

“La proposta del Parco ipogei nel PUG di Bari”

Gli insediamenti ipogei e rupestri sono una componente importante del patrimonio archeologico e storico di Bari. La città vanta un gran numero di queste strutture, che risalgono a diverse epoche storiche, tra cui quella bizantina.

La conferenza si propone di approfondire la conoscenza di questi insediamenti e di discutere le strategie per la loro valorizzazione. I relatori affronteranno il tema da diverse prospettive, spaziando dall’archeologia all’antropologia, dalla storia dell’arte alla religione.

La conferenza è aperta al pubblico.

Francesco Saverio Masellis

Il duomo di Siracusa: quando un tempio greco diventa chiesa
Articolo Precedente Il duomo di Siracusa: quando un tempio greco diventa chiesa
Palazzo Biscari: una dimora di quasi settecento stanze
Prossimo Articolo Palazzo Biscari: una dimora di quasi settecento stanze
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.