Harry Styles conclude il suo tour in Italia

  • 0
  • 232 visualizzazioni

«Buonasera Reggio-Emilia, benvenuti allo spettacolo finale. Perdona i miei errori nella tua lingua. Gli ultimi due anni della mia vita sono stati un regalo meraviglioso ed è veramente molto speciale concludere il mio tour qui, un Paese che ha un posto speciale nel mio cuore. Sono così felice di essere qui stasera, in questo posto e con la sua gente. Con tutto il mio cuore. Voglio che vi divertiate il più possibile, come se fosse l’ultima volta. Tante belle cose». Così si presenta Harry Styles a Campovolo sabato 22 luglio parlando in italiano per concludere il suo ultimo tour: “Love on tour”, i cui veri protagonisti dei suoi show caratterizzati da colori, pois, paillettes, piume e tutto ciò che di più stravagante c’è, sono l’amore e la libertà di essere chi  si vuole.

Non è la prima volta che l’ex membro degli One Direction ha mostrato una perfetta padronanza della lingua italiana, già sfoggiata lo scorso luglio durante l’esibizione di Bologna in un omaggio a Mina con il brano “Se telefonando”, brano richiesto dai fan durante l’ultima esibizione. Ma lui sorprende ancora accennando “Guarda che luna” di Fred Buscaglione per poi riprendere con le sue canzoni.

 A Campovolo, in oltre due ore di concerto, il cantante ha fatto scatenare la platea con le hit più amate, da Daydreaming a As It Was e Kiwi e alcuni brani cantati dall’ex band, fino al gran finale: una melodia composta apposta per la serata suonata al pianoforte e con un’esplosione di fuochi d’artificio. Insomma ha dato il meglio di sé per questa serata dimostrando ancora una volta il suo grande amore per l’Italia. Amore dimostrato più volte negli anni: la costiera amalfitana è stata la meta scelta dal cantante per girare il video musicale del singolo ‘Golden‘, contenuto nell’album ‘Fine Line‘, o gli innumerevoli abiti firmati Gucci da lui sfoggiati come quello indossato a Reggio Emilia. 

Durante lo show il cantante britannico non ha smesso di ringraziare tutte le 100.000 persone e oltre lì presenti italiani e non (c’è addirittura chi si è accampato davanti l’ingresso dell’area una settimana prima per assicurarsi un posto in prima fila con anche regole assurde come gli appelli durante l’intera giornata scatenando più di una polemica), tutti coloro che lo hanno supportato e in particolar modo egli ringrazia profondamente la sua prima fan, sua madre dicendole che non sarebbe la persona che è oggi senza di lei. 

Angelica Caputo

Le utopie architettoniche di Napoli: le Vele e Piazza Grande
Articolo Precedente Le utopie architettoniche di Napoli: le Vele e Piazza Grande
Terzo cd dell’Opera omnia dei Sabino di Turi (BA)
Prossimo Articolo Terzo cd dell’Opera omnia dei Sabino di Turi (BA)
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.