Bari bloccato sul pareggio: con il Como finisce 2-2

  • 0
  • 408 visualizzazioni

Si complica la rincorsa del Bari alla promozione diretta. Allo stadio San Nicola i galletti vengono fermati dal Como per 2-2.

Gli ospiti si fanno insidiosi sin dalle prime fasi di gara. Al 7’ minuto di gioco, Ioannu mette in mezzo un traversone che non trova il tocco vincente di nessun compagno di squadra. La prima occasione dei padroni di casa arriva al quarto d’ora con Di Cesare ma l’esperto difensore biancorosso non inquadra lo specchio della porta. Al 18’ si sblocca il match: Gabrielloni devia un cross di Parigini e per Ioannu è un gioco da ragazzi metterla in rete da due passi. Per l’esterno cipriota si tratta del terzo gol in Serie B. Due minuti dopo Bellemo va vicino al raddoppio con una conclusione diretta all’angolino ma Caprile è bravo a respingere il tiro del mediano. La seconda rete dei lariani però è solo questione di tempo: ingenuità di Folorunsho che al 26′ perde palla sulla trequarti, Cutrone è il più lesto ad avventarsi sulla sfera, corre verso la porta e mette a referto l’ottavo centro del suo campionato.

Il secondo tempo si apre con un doppio cambio fatto da Mignani: fuori Antenucci e Benali, dentro Morachioli e Botta. Le sostituzioni hanno effetto sin da subito: al 48’ Morachioli mette in mezzo il pallone per il colpo di testa vincente di Cheddira. L’attaccante marocchino raggiunge così Lapadula in vetta alla classifica marcatori del campionato cadetto con 16 gol. Botta invece si fa vedere al 63’ con un sinistro dalla distanza che va sul fondo. Grande opportunità per Ricci che all’83’, su suggerimento dello scatenato Morachioli, fa partire una conclusione potente che va di poco sopra la traversa. Assedio dei galletti nei minuti finali: nel corso del terzo minuto di recupero, Morachioli trova Di Cesare, il capitano biancorosso si gira e mette a segno il gol del pareggio. La rete viene convalidata dopo un lungo consulto al VAR da parte dell’arbitro Chiffi. Il Bari sfiora il gol della clamorosa vittoria ancora con Di Cesare ma questa volta il difensore manda il pallone sul fondo.

 

Disattento e svogliato nel primo tempo, sveglio e offensivo nel secondo. Si può sintetizzare così la prestazione dei padroni di casa, che agguantano un punto importante ma vedono allungarsi il divario con il Genoa. Il Grifone ha infatti superato per 2-0 il Perugia ed è salito a 63 punti, sei in più del Bari fermo a quota 57. Con cinque partite al termine della regular season, i biancorossi dovranno essere bravi a non perdere altri preziosi punti per strada. Prosegue l’astinenza dai tre punti per la formazione di Moreno Longo che non vince dal 18 marzo, data del trionfo casalingo contro il Parma. Nel prossimo turno il Como sarà impegnato in casa contro l’Ascoli, mentre il Bari sarà di scena allo stadio Arena Garibaldi contro il Pisa.

Paolo Gabriel Fasano

MotoGP: Alex Rins rivitalizza la Honda e domina ad Austin
Articolo Precedente MotoGP: Alex Rins rivitalizza la Honda e domina ad Austin
Giovinazzo (BA): all’Arciconfraternita del Carmine meditazione su “Compianto del Cristo morto”
Prossimo Articolo Giovinazzo (BA): all’Arciconfraternita del Carmine meditazione su “Compianto del Cristo morto”
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.