Arciconfraternita Maria Santissima del Carmine di Giovinazzo: Settimana Santa 2023

  • 0
  • 1.035 visualizzazioni

A tanto è arrivato l’amore di Cristo per noi. Con la Croce Egli si è preso su di sé il nostro peccato; sotto di essa cade, è alla stessa e inchiodato, ma tutto sopporta fino alla fine.
Quella scritta “Re dei Giudei” ci suona quasi una macabra beffa, eppure è profetica: in Cristo le promesse di Dio al suo popolo sono portate a compimento, essa ci mostra qual è la sua vera natura, un Dio che offre tutto se stesso per pagare il prezzo del peccato dell’uomo. In quel Dio crocifisso tutta l’umanità e crocifissa, Egli non fugge la sofferenza, ma la prende su di sé e la redime. Da quel fianco squarciato prende il via una nuova creazione; quel sangue ci rigenera, in esso siamo purificati, in esso le nostre vesti tornano candide.

Con questa riflessione, in occasione di questo periodo Pasquale, si invita ad accompagnare Cristo sulla via del chicco di grano, così nel “perdere la vita” troveremo la via dell’amore, la via che veramente ci dona la vita.

Programma

6 aprile Giovedì santo ore 20:00
Esposizione simulacro Gesù agonizzante (chiesa San Giovanni Battista)
7 Aprile Venerdì Santo ore 16:45 ore 20:00
“Tre ore di agonia” – Le sette parole di Gesù in croce – (chiesa San Giovanni Battista). La commemorazione della morte di Gesù, secondo i brani evangelici sarà accompagnata da antiche musiche sacre a cura del M° Antonio Dangelico della associazione polifonica. Processione dei simulacri della passione (chiesa Cattedrale).
8 aprile sabato Santo ore 17:30
Compianto su Cristo morto “In concerto” (chiesa di San Giovanni Battista). Considerando la discesa di Gesù agli inferi ci si fermerà a riflettere sui sentimenti di sbigottimento dei discepoli e di Maria nelle ore di “sospensione” tra la sua morte e la sua resurrezione. Il pio esercizio avrà luogo davanti al simulacro di Gesù morto. I brani musicali a corredo dell’azione paraliturgica saranno diretti dal M° Lucia de Bari soprano, Carlo Masellis tenore, M° Fabio D’Amato al pianoforte.

Il padre spirituale
Don Andrea Azzolini

Il presidente
Gaetano Masellis

Il Palazzo Vulpano-Sylos di Bitonto, scrigno del Rinascimento pugliese
Articolo Precedente Il Palazzo Vulpano-Sylos di Bitonto, scrigno del Rinascimento pugliese
Tanatosi, far finta di morire per non morire
Prossimo Articolo Tanatosi, far finta di morire per non morire
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.