Emozioni e colori, c’è una correlazione?

  • 0
  • 159 visualizzazioni

Sempre più evidente nel decorso degli ultimi decenni si è reso il dibattito critico che vede una netta correlazione tra le variazioni cromatiche e la disparate manifestazioni psicologiche inerenti al singolo individuo.

Studi scientifici hanno difatti dimostrato che i colori hanno differenti effetti sul singolo, regolati da una serie di fattori di carattere soggettivo, quali il vissuto o la condizione emotiva , ed oggettivo, comprovate pertanto da analisi vere e proprie.

È su questo filone che si innesta una specifica branca della psicologia, quella dei colori, per l’appunto, che si configura a partire dal presupposto secondo il quale ad ogni colore venga attribuito un significato e possa stimolare una detta area cerebrale.

Ma perché questo è possibile? Ciò deriva dal fatto che , in realtà, in natura il colore non esiste come tale, non ha un valore assoluto, ma gli esseri umani riescono a percepirlo poiché l’occhio assorbe dalla luce una radiazione elettromagnetica che la retina , a propria volta, invia all’encefalo, determinando una specifica variazione cromatica che varia, dunqua, in base all’interpretazione dell’individuo stesso.

Alla luce di queste innovative scoperte, oggigiorno, la psicologia dei colori è studiata in svariati ambiti e settori : neuromarketing, cromoterapia, test lavorativi e della personalità.

Quindi  quali sono i significati sottesi e le associazioni delle differenti colorazioni?

Anzitutto, il ROSSO, spesso e volentieri denominato il “colore della vita”, è protagonista di una duplice visione: è il colore dell’energia, della forza, della perseveranza, dell’attività nervosa e vitale, del successo e dell’autostima; d’altra parte è simbolo  del tumulto emotivo , al quale difficilmente si riesce a venire a capo: amore, sesso, vendetta, rabbia.

Al suo antipodo, si pone invece il blu con tutte le sue variazioni cromatiche: esso esprime tranquillità, pacatezza, stabilità, equilibro, eleganza, affidabilità, meditazione.

Motivo per il quale molti social Networks e farmaci antidepressivi prediligono questo colore, in quanto in grado di sincronizzare gli emisferi cerebrali.

A frapporsi a questi due colori, ce n’è un terzo primario: il giallo.  Esso è il colore cardine dell’ottimismo, della propensione verso l’altrove, della progettualità , della curiosità , della coscienza e della lucidità.

Ha anche una grande capacità di stimolo del sistema digestivo e linfatico.

Sulla stessa scia, il simbolismo del verde contempla armonia dei mondi, libertà ed indipendenza.

Essendo il colore associato alla natura, che dona pertanto un senso di freschezza e bellezza , viene impiegato nelle confezioni di cosmetici e prodotti biologici.

Il viola , invece , deriva dalla conciliazione tra l’efferatezza del rosso e la ricettività introversa del blu.

Associato alla spiritualità, all’idealismo, all’intangibile mistero del reale, nel decorso della storia è stato spesso e volentieri prerogativa delle classi facoltose in quanto si riteneva trasmettesse lusso, opulenza e regalità.

Infine il rosa , colore derivato dalla passionalità del rosso ma mitigato dalla purezza del bianco ,le cui variazioni cromatiche sono utilizzate per indicare tenerezza, affetto, eleganza, calma.

È il colore per antonomasia associato alle nasciture in quanto esprime innocenza e purezza.

Raffaello Quarto

LA CITTÀ inVISIBILE
Articolo Precedente LA CITTÀ inVISIBILE
Il sussidio «Cristiani si diventa» dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto
Prossimo Articolo Il sussidio «Cristiani si diventa» dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.