Elon Musk: Escape the Matrix

  • 0
  • 240 visualizzazioni

Il 2022 dei social possiamo dire essersi concluso con un tweet di Elon Musk in cui ci invita a sfuggire dal Matrix con la citazione:

“The only way to escape the Matrix is to unlearn everything that you have been taught and rebuild your entire belief system based on critical thought & analysis”.

Traduzione: “L’unico modo per sfuggire a Matrix è disimparare tutto ciò che vi è stato insegnato e ricostruire il vostro intero sistema di credenze basato sul pensiero critico e sull’analisi.”

Per Matrix non si intende unicamente il film del 1999 con Keanu Reeves, ma è il mondo che ci viene posto davanti agli occhi per nascondere la realtà, la vita all’interno di una simulazione che ci tiene lontani dal nostro modo di vedere le cose e ce ne impone un altro per far procedere la simulazione come da programma.

La tesi a sostegno del CEO di Twitter è data dai passi avanti fatti dalla tecnologia negli ultimi anni che, ad esempio, ci permettono di incontrare gente dall’altro lato del mondo all’interno del Metaverso con una definizione grafica e sensoriale sempre migliore, simulazioni fotorealistiche in 3D con giocatori in simultanea sempre più in aumento – Elon Musk: “Se si ipotizza un qualsiasi tasso di miglioramento, i giochi diventeranno indistinguibili dalla realtà, semplicemente indistinguibili”.

Che sia credibile o meno gli analisti di Bank of America hanno dichiarato che c’è una probabilità del 50% di vivere all’interno di una simulazione frutto di civiltà future che si sono cimentate nella programmazione di una realtà virtuale in cui col progresso dell’Intelligenza Artificiale i loro antenati elaborati digitalmente possono interagire tra loro come se vivessero la realtà, o meglio, tanto da farci credere di essere reali. Una delle ipotesi di Musk, per quanto possa sembrare sconvolgente, è che le civiltà del futuro abbiano creato la nostra realtà per poter mantenere vivo virtualmente il genere umano che nella realtà di base si è estinto.

Il mito della Caverna di Platone è più attuale che mai in una realtà piena di pregiudizi nell’uscire fuori dagli schemi, nel guardare la luce alle nostre spalle e non le ombre a cui siamo abituati, incatenandoci ad una realtà fittizia di cui sappiamo ben poco.

Francesco Saverio Masellis

11 gennaio 1980: Catalogna e Paesi Baschi sono autonomi
Articolo Precedente 11 gennaio 1980: Catalogna e Paesi Baschi sono autonomi
RESI INUTILI ALLO SCOPO, I SISTEMI A PROTEZIONE DELLE ZONE URBANE PRESIDIATE DA VARCHI
Prossimo Articolo RESI INUTILI ALLO SCOPO, I SISTEMI A PROTEZIONE DELLE ZONE URBANE PRESIDIATE DA VARCHI
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.