ORAZIO SARACINO HA FIRMATO LA COLONNA SONORA DEL FILM AMERICANO “MUNDIJE”

  • 0
  • 132 visualizzazioni

Nuova importante collaborazione internazionale per il compositore giovinazzese

Orazio Saracino (credit Michele Illuzzi)

Orazio Saracino ha firmato la colonna sonora del film americano “Mundije” del regista  albanese Fatmir Bardhoci. Una vera e propria consacrazione per il 38enne giovinazzese che ha composto la musica per un lungometraggio con un cast hollywoodiano. Tra gli attori anche Eric Roberts, una nomination agli Oscar e tre ai Golden Globe, e George Lazenby, indimenticabile interprete di James Bond in “Agente 007, al servizio segreto di sua maestà”.

                Scene d’azione e di crimine si alternano ad altre più struggenti in “Mundije”, film che prende il titolo da un’antica arte di combattimento e che è stato girato tra Stati Uniti, Messico ed Albania. Tante le sfumature e le emozioni che Saracino ha tradotto in musica avvalendosi di una varietà di strumenti. Dall’orchestra d’archi utilizzata per le scene più drammatiche al lahute, tipico strumento albanese affidato alle sapienti mani del terlizzese Giovannangelo de Gennaro, dal violino e dalla voce lirica della molfettese Maria Concetta Annese evocativi del passato del protagonista fino all’immancabile musica elettronica, usata prevalentemente per le scene d’azione, e per la quale Saracino si è avvalso della collaborazione del sound designer Alex Grasso. Di Grasso anche  le chitarre “flamenco” utilizzate per alcune scene ambientate in Messico ed il missaggio finale delle musiche. Saracino ha firmato anche la canzone originale in cui culmina la fine del film, interpretata dalla cantante molfettese Claudia De Candia e prodotta sempre da Grasso.

                Il lavoro creativo si è svolto prevalentemente a Lecce, dove Saracino risiede da qualche anno, mentre le sessioni di registrazione e il missaggio finale sono stati eseguiti a Giovinazzo presso lo studio di Grasso, dove è arrivato appositamente anche il regista e attore protagonista Fatmir Bardhoci. «La sua presenza – dichiara Saracino – è stata decisiva per ultimare in tempi brevi la colonna sonora. Potersi confrontare di persona è stato esaltante proprio come lavorare a “Mundije”. Non è stato semplice – spiega il compositore giovinazzese – perché ho avuto a disposizione poco più di venti giorni per comporre le musiche. Si è trattato di un lavoro complesso, ma allo stesso tempo molto sfidante e stimolante».

                Per Saracino la composizione della colonna sonora del film americano arriva dopo la creazione di musiche originali per diversi progetti cinematografici, sia italiani che esteri. Tra le collaborazioni più recenti quelle per il film anglo-francese “Tortu – Love in a strange place” del regista inglese Christopher Clarke e per il cortometraggio americano “Elijah” in cui ha intrapreso una interessantissima sinergia musicale con un compositore indiano. Ma Saracino è molto attivo anche in Puglia dove, oltre ad aver collaborato al film musicale “101 Flame of inspiration”, ha firmato le colonne sonore dei cortometraggi “I Gemelli” del regista noiano Rocco Anelli e “Il treno speciale” diretto dal coratino Luigi Cianciaruso.

ORAZIO SARACINO Il compositore e pianista 38enne dispone di un portfolio molto eterogeneo che lo rende un artista versatile e sempre pronto a nuove sfide. Giovinazzese d’origine e leccese d’adozione, ha sempre seguito con determinazione i suoi sogni fino a trasformare la passione per il binomio musica e cinema nel suo lavoro principale.

La sua produzione musicale spazia dalla world music a quella orchestrale passando per il jazz, uno dei suoi grandi amori.

Collaborazioni Ha composto le musiche di diversi progetti cinematografici muovendosi con disinvoltura da un genere all’altro: ora per documentari, poi per un film musicale, quindi per diversi lungometraggi e cortometraggi fino ad arrivare al film americano “Mundije”.

Saracino è anche nel novero dei compositori che collaborano con Sky Italia e, in sodalizio artistico con l’ingegnere del suono e produttore giovinazzese Alex Grasso, ha realizzato le musiche per alcune trasmissioni televisive, tra le quali quelle del noto programma “Federico Buffa Talks” e la sigla della seguitissima “Basket Room”.

L’architetto Giuseppe Mastropasqua e i palazzi neoclassici di Giovinazzo
Articolo Precedente L’architetto Giuseppe Mastropasqua e i palazzi neoclassici di Giovinazzo
Evento di rilievo al Campus Quagliarello: Il Liceo Classico Socrate di Bari onorato dal Rettore del Politecnico di Bari
Prossimo Articolo Evento di rilievo al Campus Quagliarello: Il Liceo Classico Socrate di Bari onorato dal Rettore del Politecnico di Bari
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.