Liberazione dal nazifascismo: il 25 aprile e Roma città aperta

  • 0
  • 55 visualizzazioni

“ ‘st’inverno sembra che non debba fini’ mai.”
“Finirà, Pina, finirà. E tornerà pure la primavera. E sarà più bella delle altre, perché saremo liberi. Bisogna crederlo, bisogna volerlo.”

In questi giorni in cui lo stesso parlare di antifascismo (o meno) è al centro di infiniti pseudo dibattiti (o monologhi) perlopiù televisivi, celebriamo la festa nazionale della liberazione dal nazifascismo in Italia, oggi 25 aprile. Vorrei ricordare questa ricorrenza non parlando né di politica (attuale o dell’epoca) né narrando fatti prettamente storici.
Se “Una questione privata”, romanzo di Beppe Fenoglio, è il libro per eccellenza sulla Resistenza italiana (definito così da Italo Calvino), credo che, proporzionalmente, “Roma città aperta” di Roberto Rossellini sia il film che ci mostra quello da cui, appunto, ci siamo liberati, ossia l’occupazione tedesca.
Gli eventi narrati sono ambientati nel 1944 nella città di Roma dove la resistenza si è già attivata. Un militante è l’ingegner Manfredi sulle tracce del quale è la Gestapo, ma l’uomo sfugge alla perquisizione dell’appartamento trovando rifugio presso un compagno tipografo. La delazione di Marina, un’attricetta, consente loro di catturare l’ingegnere e il sacerdote che faceva la staffetta, seguendo all’arresto di Francesco, il tipografo, che verrà rincorso dalla moglie Pina (Anna Magnani) poi fucilata, una scena che resterà nella storia. Alla base della vicenda c’è un personaggio realmente esistito, don Morosini, che i tedeschi condannarono al plotone d’esecuzione. 

Sofia Fasano

26 aprile 1478: la congiura de’ Pazzi a Firenze
Articolo Precedente 26 aprile 1478: la congiura de’ Pazzi a Firenze
MANCANDO PERSONALE E SPAZI ADEGUATI, A GIOVINAZZO, SI ESTERNALIZZA L’ARCHIVIO E IL DEPOSITO DELE PRATICHE EDILIZIE
Prossimo Articolo MANCANDO PERSONALE E SPAZI ADEGUATI, A GIOVINAZZO, SI ESTERNALIZZA L’ARCHIVIO E IL DEPOSITO DELE PRATICHE EDILIZIE
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.