Aspettando il festival di Cannes 2024

  • 0
  • 110 visualizzazioni

Lo scorso 11 aprile sono stati annunciati i titoli dei film che avranno la loro prima mondiale al festival di Cannes. Conclusasi l’award season (stagione dei premi), possiamo inaugurare la stagione delle manifestazioni cinematografiche e quella di Cannes quest’anno avrà luogo dal 14 al 25 maggio prossimo.
L’edizione passata (2023) vanta grandi nomi che si sono rivelati dei successi non solo al botteghino: film come “Anatomia di una caduta”, vincitore della Palma d’oro e nonostante ciò considerato non adatto a rappresentare la Francia agli Oscars nella categoria miglior film internazionale, e che ha fatto entrare Justine Trier nella storia in quanto (solo) terza donna ad aggiudicarsi il premio per il miglior film, “La zona di interesse” che al palais des congrès aveva ricevuto il premio speciale delle giuria, e nel panorama italiano “Rapito” di Bellocchio, “Il sol dell’avvenire” scritto, diretto e interpretato da Nanni Moretti e “La chimera” di Alice Rohrwacher. La sezione “Un certain regard” era stata vinta dal film d’esordio “How to have sex” (uscito da poco in streaming su Mubi) che nel corso dello scorso autunno ha vinto il premio per il miglior film rivelazione agli EFA (European Film Awards) e ha inaugurato anche l’ultima edizione di Alice nella città.
La giuria di quella che sarà la 77^ edizione del festival sarà presieduta da Greta Gerwig, fresca di successo dopo “Barbie” dello scorso luglio (in questo periodo, un anno fa, veniva anticipato con il teaser trailer e i vari poster). Sulla croisette di quest’anno, stando ai titoli annunciati, vedremo Emma Stone che torna ad essere diretta da Yorgos Lanthimos per “Kinds of kindness”, Chiara Mastroianni che interpreta suo padre Marcello insieme a sua madre Catherine Deneuve e tanti altri… L’unico film italiano in concorso è il tanto atteso e misterioso “Partenope” del maestro Paolo Sorrentino. Nel prossimo mese scopriremo altri titoli e registi protagonisti di Cannes, anche nel passato, insieme.

Sofia Fasano

La prima donna al mondo laureatasi in medicina: Elizabeth Blackwell
Articolo Precedente La prima donna al mondo laureatasi in medicina: Elizabeth Blackwell
Il Santuario della Madonna delle Lacrime: prodigio architettonico a Siracusa
Prossimo Articolo Il Santuario della Madonna delle Lacrime: prodigio architettonico a Siracusa
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.