17 marzo 1976: ci lasciava Luchino Visconti

  • 0
  • 123 visualizzazioni

Il 17 marzo del 1976 ci lasciava il regista Luchino Visconti.
Nato a Milano nel 1906, si trasferisce nella capitale nel 1939 dopo la morte della madre, iniziando a frequentare gli artisti che collaborano alla rivista “Cinema” su cui pubblica anch’egli degli articoli. Ritenuto uno dei padri del nascente neorealismo, “stile” cinematografico, il suo film “Ossessione”, girato tra il 42 e il 43, ne è uno dei primissimi esempi. Durante il secondo conflitto mondiale, partecipa attivamente alla Resistenza, venendo arrestato e torturato e salvandosi dalla fucilazione, tuttavia, dopo la guerra, la sua carriera cinematografica continua.
Si aggiudica numerosi riconoscimenti ai due festival europei maggiori (Venezia e Cannes) con i film “Le notti bianche” e “Rocco e i suoi fratelli”, ma il suo capolavoro è indubbiamente  “Il Gattopardo” (1963), tratto dal romanzo di Tomasi di Lampedusa, vincitore della Palma d’oro.
Durante la lavorazione di “Ludwig”, ultimo film della cosiddetta trilogia germanica (di cui fanno parte “La caduta degli dei” e “Morte a Venezia”, tratto dal romanzo di Thomas Mann) viene colpito da un ictus. Protagonista è il giovane attore austriaco Helmut Berger, compagno di vita del regista che aveva conosciuto anni prima sul set di “Vaghe stelle dell’orsa”. La loro relazione è stata tenuta segreta per anni e Berger si è definito “la vedova di Visconti” al suo funerale. “Gruppo di famiglia in un interno” con Burt  Lancaster e “L’innocente” sono i suoi ultimi lavori. Il suo cinema sarà definito dall’autore Alberto Moravia un connubio perfetto tra tematiche sociali e decadenza umana e sociale.

Sofia Fasano

150 anni di Impressionismo
Articolo Precedente 150 anni di Impressionismo
Bif&st, protagonista è Marco Bellocchio
Prossimo Articolo Bif&st, protagonista è Marco Bellocchio
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.