Due anni senza Joan Didion, autrice e giornalista

  • 0
  • 175 visualizzazioni

Oggi 23 dicembre 2023 sono due anni dalla morte di Joan Didion, una grande giornalista e scrittrice californiana. A proposito della sua West Coast scriveva: “Chiunque parli di edonismo californiano non ha mai trascorso un Natale a Sacramento” aforisma che la regista Greta Gerwing ha posto come incipit del suo film “Lady Bird”.
Quando Didion giunge a New York a lavorare per Vogue, si innamora non solo della Grande Mela, ma anche di John Dunne che sposa.
L’autrice si consacra alla saggistica prima ancora che alla narrativa: è del 1968 “Slouching Towards Bethlehem” (titolo che riprende una poesia del poeta irlandese Yeats e tradotto in italiano “Verso Betlemme”). Ma il successo arriva con “L’anno del pensiero magico” che nel 2005 vince il National Book Award for Nonfiction. Si tratta di un monologo terapeutico che racconta le due tragedie che hanno sconvolto la sua esistenza: la scomparsa improvvisa di suo marito e la malattia della figlia. Il memoir è un dettagliato resoconto di quelle vicende che mette a nudo l’autrice con le proprie paure e sensazioni.
Dunne è colpito da un attacco cardiaco la sera del 30 dicembre del 2003 quando la loro unica figlia Quintana (37enne all’epoca) è ricoverata in coma per quella che è iniziata come un’influenza e si è rivelato uno shock settico. Didion ha autorizzato il funerale del marito solo tre mesi dopo, solo una volta ripresasi Q Roo (ovvero Quintana come l’aveva soprannominata il padre). Lei e suo marito volano alla volta di Malibu, ma Quintana finisce di nuovo in coma a Los Angeles dove la raggiunge la madre. Dopo cinque settimane, mamma e figlia fanno ritorno a New York con un elicottero paramedico. Un anno dopo Quintana molla la presa: è il luglio del 2005 quando viene ricoverata per una pancreatite acuta che le strappa la vita a 39 anni.
Joan Didion è stata anche sceneggiatrice: insieme al marito hanno scritto il film “Panico a Needle Park” (1971) che vede un giovane Al Pacino nel suo primo ruolo da protagonista. Il lungo è ambientato a New York durante gli anni difficili del boom della cocaina. 

Sofia Fasano

Per 10 anni il Santo Natale di Singapore grazie alle luminarie di “Paulicelli Gianfranco srl” e la società “Namaste Europa”
Articolo Precedente Per 10 anni il Santo Natale di Singapore grazie alle luminarie di “Paulicelli Gianfranco srl” e la società “Namaste Europa”
Silent night, il canto di Natale compie 205 anni
Prossimo Articolo Silent night, il canto di Natale compie 205 anni
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.