Padre Francesco Neri è stato nominato nuovo arcivescovo di Otranto

  • 0
  • 700 visualizzazioni

Papa Francesco ha nominato come nuovo arcivescovo di Otranto, padre Francesco Neri, consigliere generale dell’ordine dei Frati Minori Cappuccini. Succede a monsignor Donato Negro, in carica dal 2000 e che il 3 gennaio aveva rassegnato le dimissioni al compimento del 75esimo anno nelle mani di papa Francesco. Si ritirerà a San Cesario di Lecce, suo paese d’origine, nella diocesi di Lecce.

Padre Francesco Neri, nato a Catanzaro il 21 dicembre del 1959, nel 1987 è entrato nell’Ordine dei frati minori cappuccini emettendo la professione perpetua nel 1990 ed è stato ordinato presbitero il 6 luglio dell’anno successivo nella cattedrale di Bari, dall’arcivescovo Mariano Magrassi. Si è laureato nel 1983 in Giurisprudenza all’Università di Bari e nel 1998 ha conseguito il dottorato in Teologia dogmatica presso la Pontificia Università Gregoriana.

Ha ricoperto numerosi incarichi tra i quali docente di Teologia, assistente della sezione diocesana dell’Unione Giuristi Cattolici (1998-2006); Vicario Provinciale della Provincia Cappuccina di Puglia (2003-2006); Ministro Provinciale della Provincia Cappuccina di Puglia e Presidente della CISM regionale pugliese (2006-2012); Membro del Consiglio presbiterale dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto (2007-2012); Vice-Preside della Facoltà Teologica Pugliese (2012-2018); Direttore dell’Istituto Teologico di Bari Santa Fara (2015-2017); Rettore del Collegio Internazionale San Lorenzo da Brindisi a Roma (2017-2018) e dal 2018 è Consigliere Generale dell’Ordine a Roma.

L’annuncio della nomina è stato dato nella cappella del seminario di Otranto e le campane della diocesi hanno suonato a festa.

La consacrazione episcopale avverrà nella mattinata del prossimo 17 giugno nella cattedrale di Otranto. Ordinante principale sarà mons. Donato Negro.

Questa sera il Vescovo eletto di Otranto, p. Francesco Neri, presiederà la S. Messa nella Basilica di Santa Fara alle ore 19.00.

Antonio Calisi

Polidamante, l’uomo che terrorizzava i leoni
Articolo Precedente Polidamante, l’uomo che terrorizzava i leoni
La street art come mezzo di rigenerazione urbana: l’esempio del QM San Paolo
Prossimo Articolo La street art come mezzo di rigenerazione urbana: l’esempio del QM San Paolo
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.