Come avvenne la nascita di Gesù: Betlemme

  • 0
  • 720 visualizzazioni

“Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide.”

(Luca 2, 3-4)

Secondo la narrazione dei vangeli di Matteo (Mt 2,1) e Luca (Lc 2,4-7), il luogo di nascita di Gesù è Betlemme (in ebraico Beit Leḥem, “casa del pane”) di Giudea.

Nel Vangelo di Luca si dice che i genitori di Gesù vissero a Nazareth, ma si recarono per un censimento a Betlemme e Gesù vi nacque prima che la famiglia tornasse a Nazareth. Il Vangelo di Matteo sembra invece implicare che la famiglia viveva già a Betlemme quando Gesù nacque e che successivamente si spostò a Nazareth. L’antichità della tradizione della nascita di Gesù a Betlemme è attestata dall’apologeta cristiano Giustino, dichiara nel suo Dialogo con Trifone (c. 155-161) che la Sacra Famiglia si era rifugiata in una grotta al di fuori della città[1]. Origene di Alessandria, che scriveva intorno all’anno 247, racconta di una grotta nella città di Betlemme che la popolazione locale riteneva fosse il luogo di nascita di Gesù[2].

In questo modo si avvera la profezia di Michea: “E tu, Betlemme di Èfrata, così piccola per essere fra i villaggi di Giuda, da te uscirà per me colui che deve essere il dominatore in Israele” (Michea 5, 1).

Gesù ha scelto di nascere a Betlemme (la casa del pane) per indicare se stesso come pane per la nostra salvezza. Betlemme è veramente la casa del pane che ha accolto Colui che viene per salvare l’umanità dalla fame. Gesù ha detto: “”Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. (Gv 6, 51).

Antonio Calisi

[1] “Giuseppe … prese i suoi alloggi in una grotta vicino al villaggio; e mentre erano lì Maria portò il Cristo e lo pose in una mangiatoia, e qui i Magi venuti dall’Arabia lo trovarono.” (Giustino martire, Dialogo con Trifone, LXXVIII).

[2] “A Betlemme è indicata la grotta dove è nato, e la mangiatoia nella grotta dove è stato avvolto in fasce. E la voce è in quei luoghi, e tra gli stranieri della fede, che in realtà Gesù è nato in questa grotta che è adorato e riverito dai cristiani.” (Origene, Contra Celsum, I, LI).

Auguri di Buon Natale dalla Famiglia di “In Città”
Articolo Precedente Auguri di Buon Natale dalla Famiglia di “In Città”
Una ballata medievale cantata nel ‘900
Prossimo Articolo Una ballata medievale cantata nel ‘900
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.