I bambini e la tecnologia

  • 0
  • 372 visualizzazioni

I bambini di oggi sono attratti in modo sorprendente dalla tecnologia. Che si tratti di smartphone, tablet o pc, poco importa: sin da piccolissimi, sono in grado di interagire con i device elettronici con grande naturalezza e di concentrare la loro attenzione sullo schermo come difficilmente riescono a fare per altre attività. 

Nel momento in cui il bambino ha tra le mani uno smartphone riesce con un semplice tocco a far accadere qualcosa che gli piace e lo diverte. A lungo andare ciò crea dipendenza, genera danni sulla salute e sullo sviluppo motorio e cognitivo e comporta difficoltà nella socializzazione. 

Questo perché i dispositivi tecnologici pongono l’individuo in una dimensione solitaria, dove non sono richieste capacità relazionali e comunicative.

È anche vero che la società odierna quasi impone l’uso di questi strumenti ma proprio per questo bisogna saper monitorarne l’utilizzo. È importante che quindi i genitori limitino l’uso dei device elettronici e che non li utilizzino come una sorta di babysitter, soprattutto per i bambini di età compresa tra  3 e 10 anni. Riguardo questa fascia d’età è molto importante che questi strumenti  non sostituiscano  “le attività di vita quotidiana”: è importante far fare al bambino tutte quelle altre attività che stimolino creazione, immaginazione, aiutino lo sviluppo e favoriscano la socializzazione tra i bambini. 

Non bisogna trascurare l’esperienza diretta delle cose: andare al parco, giocare con i propri coetanei, fare attività sportive, e soprattutto utilizzare giocattoli così da stimolare la fantasia, i sensi, le capacità motorie e le abilità mentali e perché no guardare un cartone animato o un film in televisione e non dallo schermo di un cellulare. 

Diversa è la questione per i ragazzi: lo smartphone può invece essere utile per la socializzazione e non va dimenticato che i cellulari sono stati di grande aiuto durante la pandemia per mantenere i contatti con i propri amici evitando così un completo isolamento dal mondo esterno. 

Ai bambini più grandicelli quindi si può permettere l’uso dello smartphone o del tablet, ma è necessario che i genitori monitorino il tempo che i piccoli passano davanti allo schermo e li affianchino verificando che i giochi e i contenuti siano adatti all’età.  

Come per tutte le cose è importante farne un giusto uso senza strafare. 

Cosa c’è di più bello di giocare con le bambole, i soldatini, le macchinine, giocare a “nascondino”, simulare i mestieri (come il dottore, l’insegnante, il panettiere, la parrucchiera e così via…) facendo crescere nei più piccoli voglia di fare e saper fare?!

 Angelica Caputo

DOMENICA PROSSIMA LO SPI CGIL SARA’ PRESENTE IN PIAZZA PER LA RACCOLTA FIRME CONTRO L’ AUTONOMIA DIFFERENZIATA
Articolo Precedente DOMENICA PROSSIMA LO SPI CGIL SARA’ PRESENTE IN PIAZZA PER LA RACCOLTA FIRME CONTRO L’ AUTONOMIA DIFFERENZIATA
Lucio Dalla: 11 anni fa ci lasciava il poeta di “Piazza grande”
Prossimo Articolo Lucio Dalla: 11 anni fa ci lasciava il poeta di “Piazza grande”
Articoli collegati

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.