IMAGE Pino Marzella: “L’AFP deve tornare la squadra del...

Riparte dagli ottimi traguardi raggiunti lo scorso anno l’AFP Giovinazzo: dalla salvezza in A2, passando dal secondo posto dell’Under 17, fino allo scudetto vinto con l’Under 19 e alla partecipazione di alcuni biancoverdi agli Europei... leggi tutto...
IMAGE La Vedetta incanta i visitatori delle Giornate FAI...

Grande successo della decima edizione delle Giornate FAI d’Autunno. L’evento, svoltosi sabato 16 e domenica 17 ottobre, ha reso visitabili ben 600 luoghi, inaccessibili o poco conosciuti, in 300 città d’Italia.Tra gli oltre 5.000... leggi tutto...
IMAGE Carlo De Palma: “Il mio cammino di Don Tonino alla...

Una riflessione sulla leggerezza, libero da ogni vincolo: quello dei social e perfino quello del tempo. Questo l’obiettivo del giovinazzese Carlo De Palma impegnato ne Il cammino di don Tonino. Due settimane con tanti chilometri da percorrere fisicamente,... leggi tutto...
IMAGE XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Gesù ha annunziato per la terza volta la sua passione, ma tra i discepoli si crea la convinzione che tra poco sarà riconosciuto Messia e Re e due di loro tentano di "assicurarsi un buon posto" accanto a Lui, tra il malcontento degli altri; tutti... leggi tutto...
IMAGE De Nicolò e Mastropasqua: dal GSD Volley Ball...

Iniziare quasi per gioco da bambine e ritrovarsi ad affrontare il campionato nazionale di B2. È la storia di Antonella Mastropasqua e Noemi De Nicolò, per tanti anni giocatrici del GSD Volley Ball Giovinazzo ed ora pallavoliste pronte... leggi tutto...
IMAGE Social: è la giovinazzese Giusy Vena una delle...

La sua pagina social “Less is art” ha quasi 19mila follower su Tik Tok, oltre 6mila su Instagram e più di 300 su Facebook. È la giovinazzese Giusy Vena una delle influencer d’arte più seguite in Italia. Ventisette anni... leggi tutto...
 

XXVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XXVIII Tempo Ord.B

 

Gesù è in cammino e un tale gli si fa incontro. E' uno che crede in Dio e nella risurrezione futura e ha un desiderio grande: ottenere la vita eterna, la comunione piena con Dio.

Ma egli pensa sia qualcosa da meritare, non un dono; e soprattutto ha un problema: è ricco di se stesso e attaccato ai beni. Gesù lo capisce e lo rimanda ai comandamenti che riguardano le relazioni col prossimo; è qui infatti un concreto banco di prova per capire se amiamo Dio: «Come puoi dire di amare Dio che non vedi, se non ami il tuo fratello che vedi?» (1Gv 4,20). Questo tale dice che li ha osservati sin dalla giovinezza, ma sente che gli manca qualcosa. Gesù ne ammira la buona intenzione e «fissatolo lo amò»; l'amore di Dio è la chiave per capire e vivere la proposta di Gesù: «Se vuoi essere perfetto và, vendi quello che hai, dallo ai poveri, poi vieni e seguimi». Gesù gli indica la via più alta, la via della perfezione, la via dell'amore; dare tutto e donarsi fino in fondo. Non basta non rubare, ma dare del proprio; non basta non tradire, ma donarsi sempre più nella fedeltà... Questa parola è per tutti, non solo per i consacrati: vivere rapporti veri, amare sul serio, significa darsi totalmente e questo vale sia con Dio sia con gli altri. Chi mai sposerebbe qualcuno non disposto a condividere tutto e a stare insieme per sempre? Quell'uomo purtroppo disse di no a Gesù e se ne andò triste; aveva troppe ricchezze, portava addosso un "macigno" che gli impediva di vivere una vita libera e gioiosa; porta il peso della ricchezza, dell'essere pieno di se stesso E' uno che fa tante cose, che osserva i comandamenti come fredde regole, ma che non ha imparato cosa significhi amare, dare senza calcoli, dare senza che gli venga richiesto e senza aspettarsi nulla, dando non solo il superfluo ma anche il necessario. Quante volte pensiamo di aver un cuore libero, ma in realtà è imprigionato, legato ai beni; beni che possono essere sia beni materiali come l'attaccamento ai soldi o al benessere, che ci impediscono di donare un po' di più per paura di "perderli"; ma anche amicizie soffocanti, progetti personali che assolutizziamo, ambizioni sbagliate che ci impediscono di corrispondere alla volontà di Dio. La paura è il contrario dell'amore; quando ci blocca la paura di "perdere qualcosa" per amore di Dio o degli altri, è perché quel qualcosa ci possiede, ci sta schiavizzando. Come faccio a capire se son schiavo di qualcosa? Se non posso farne a meno o se quando me lo toccano salto in aria! Solo lo Spirito Santo ci rende capaci di donarci fino in fondo; ma per averlo in noi, bisogna aprirsi a Cristo, mettendolo al centro, affidandogli la guida della nostra vita, coltivando la relazione con Lui. Perché se la vita non la chiediamo a Lui (che è Dio e ci da la vita eterna), la chiederemo a qualcos'altro: ai soldi, al successo, al giudizio altrui... e finiremo infelicemente schiavi! Quanti ad esempio vengono sedotti dal "dio denaro"? Questo è l'idolo per eccellenza nella Bibbia; l'attaccamento al denaro rende difficile, anzi impossibile l'ingresso nel regno dei cieli e ciechi davanti al fatto che la vita e può finire da un momento all'altro, restando senza beni e senza eternità! Dietro tanti mali nella società (corruzione, droga, sequestri di persona, fabbricazione di armi, prostituzione, sfruttamento degli immigrati, guerre) c'è sempre il denaro! Ma o si ama Dio, o la ricchezza. Spesso "il ricco è prontissimo ad accogliere Dio, finché questi gli viene presentato come il garante dell'ordine stabilito, del diritto di proprietà, un Dio che è contro la violenza. Quello che non accetta del regno di Dio predicato da Gesù è che esige la condivisione totale con gli altri, che non si lasci Lazzaro a morire fuori dalla porta. Il giovane ricco è inorridito all'idea di dover condividere le sue ricchezze con i poveri" (R. Cantalamessa). La buona notizia è che quel che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio! A tutti è possibile salvarsi, esser liberati dall'egoismo, dalle proprie schiavitù e diventar capaci di amare fino in fondo! Come? Accettando Gesù come Signore e vivendo la Sua Parola, sperimentando la vera libertà. Lui ci mette in condizione di dirgli sì: noi possiamo dirgli sì. Se avremo il coraggio di seguirlo, avremo già il centuplo in questa vita: ci ritroveremo in una famiglia allargata, la famiglia di Dio che è la Chiesa e avremo in noi la vita eterna, la vita divina e immortale che niente e nessuno ci potrà mai levare!

Commenti

  • Nessun commento trovato