IMAGE Carelli: “Vi racconto il mio amico De Giorgi”

“Ferdinando de Giorgi? Un ragazzo eccezionale. Ho giocato con lui ad Ugento per quattro anni, lo conosco molto bene”. Esordisce così Michele Carelli bitontino d’origine, ma giovinazzese d’adozione, attualmente direttore tecnico della Don... leggi tutto...
IMAGE Nicola Giotti insignito del premio Dea Ebe

“(…) Tre generazioni per oltre 70 anni di traguardi, promozione delle tradizioni, innovazione e successi, creando veri e proprio “gioielli di cioccolato”. Grazie alla caparbietà e alla professionalità di Nicola Giotti... leggi tutto...
IMAGE “In vino veritas”: Fallacara in nomination come...

Nomination come miglior attore protagonista per il giovinazzese Fabrizio Fallacara al Lima Web Fest.Una segnalazione prestigiosa giuntagli grazie alla sua interpretazione magistrale in “In vino veritas”, la quarta webserie del regista ruvese Michele... leggi tutto...
IMAGE XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Gesù è in cammino con i suoi discepoli e parla loro in segreto della sua passione ormai prossima. leggi tutto...
IMAGE Un inizio sprint per l’ASD Ginnastica Ritmica Iris a...

Tornano a volare le giovani atlete dell’ASD Ginnastica Ritmica Iris. La nuova stagione è cominciata dal Palazzetto dello Sport “William Ingrosso” di Taviano, dove sabato 11 e domenica 12 si sono svolte le prime prove regionali.... leggi tutto...
IMAGE Nel Week-Hands 2hands e FAI insieme per il territorio

Una mattinata all’insegna del movimento, del buon cibo, della storia giovinazzese e della tutela ambientale. Si è svolto così, tra le bellezze paesaggistiche e le delizie della tavola, il secondo appuntamento di Week-Hands, previsto... leggi tutto...
 

XXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


Foto XXIII tempo Ord.B

 

Le letture di questa domenica ci danno un grande messaggio di speranza e di gioia: il profeta Isaia ci dice "Coraggio, non temete! Ecco il vostro Dio... Egli viene a salvarvi."

Il Salmo 145 sottolinea che "il Signore rimane fedele per sempre" e fa grandi cose per noi. San Giacomo ci ricorda che "i poveri agli occhi del mondo... sono ricchi nella fede ed eredi del Regno, promesso a quelli che lo amano". Nel vangelo di Marco troviamo un Gesù che non si fa da parte per guarire chi è in difficoltà. Nel racconto di oggi è un sordomuto (sordo/balbuziente, che non riesce a farsi capire, che stenta a relazionarsi, destinato ad una chiusura al mondo esterno) al quale dona la capacità di ascoltare e quindi di poter parlare. La parola pronunciata da Gesù "Effetà", apriti, e i gesti che compie ci riportano al rito del Battesimo che si chiude con la formula "Il Signore Gesù, che fece udire i sordi e parlare i muti, ti conceda di ascoltare presto la sua Parola, e di professare la tua fede, a lode e gloria di Dio Padre...". Il tema dell'ascolto è ricorrente in tutto la Bibbia; nell'Antico Testamento Dio fa precedere i suoi comandamenti sulle tavole della legge con le parole "Shemà Israel": ascolta Israele. Riaprire l'udito e sciogliere i nodi della lingua sono sì un miracolo, ma sono soprattutto segni del dono battesimale che trasforma l'uomo in figlio di Dio e che attraverso l'ascolto impara a professare l'annuncio della salvezza portata da Gesù. Essere sordi, nella Bibbia, significa non accogliere il messaggio di salvezza di Dio e questo aspetto viene spesso rimproverato al popolo di Israele. Anche noi, travolti dalle mille cose da fare, attorniati da rumori, da chiacchiere, da opinioni fatichiamo ad ascoltare il desiderio profondo di senso che portiamo nel cuore e peniamo ad entrare in dialogo con Dio. Quante volte in famiglia, sul lavoro, nelle varie attività che svolgiamo ci troviamo nella stessa difficoltà di ascoltare l'altro, presi come siamo dai nostri pensieri e dalle nostre idee precostituite! Il sordo non va da Gesù di sua volontà, ma il Vangelo precisa "Glielo portarono" (Mc 7,32). Questo fatto potrebbe significare che quest'uomo, rassegnato alla sua condizione di malattia, abbia bisogno di qualcuno che lo accompagni da Gesù: questo è il compito della comunità dei credenti, cioè di tutti noi. Gesù lo porta lontano dalla folla: la ricerca di fede avviene personalmente, cuore a cuore, in un atteggiamento reale di accoglienza. Dio ci parla ma, per accoglierlo, occorre fare silenzio! Gesù con la parola "apriti", ci invita ad iniziare un dialogo con Lui, ci sveglia dal torpore che ci impedisce di parlare, cioè ci rende capaci di vivere da cristiani: è un invito a fare spazio nel nostro cuore al Suo intervento. Dopo l'incontro con Gesù quell'uomo è in grado di ascoltare la Parola del Signore e di trasmetterla con la testimonianza della sua vita e con l'annuncio della Buona Novella. Chi ha fatto veramente l'esperienza di ascoltare Dio, sa ascoltare anche il fratello e farsi suo compagno di percorso, per condurlo a Dio, come nel caso del sordomuto, che qualcuno condusse a Gesù pregandolo di imporgli la mano. Spesso la coppia e la famiglia vivono in un mondo isolato, fatto di preoccupazioni materiali, di incontri superficiali e fugaci, di incapacità di paziente ascolto reciproco. Sentiamo, ma non ascoltiamo. Non lasciamo entrare dentro di noi, nel nostro intimo, la parola dell'altro, una parola che può essere rigeneratrice e ristrutturante, oppure rappresenta una pressante domanda d'aiuto destinata purtroppo a restare, spesso, senza risposta.

Commenti

  • Nessun commento trovato