IMAGE Carelli: “Vi racconto il mio amico De Giorgi”

“Ferdinando de Giorgi? Un ragazzo eccezionale. Ho giocato con lui ad Ugento per quattro anni, lo conosco molto bene”. Esordisce così Michele Carelli bitontino d’origine, ma giovinazzese d’adozione, attualmente direttore tecnico della Don... leggi tutto...
IMAGE Nicola Giotti insignito del premio Dea Ebe

“(…) Tre generazioni per oltre 70 anni di traguardi, promozione delle tradizioni, innovazione e successi, creando veri e proprio “gioielli di cioccolato”. Grazie alla caparbietà e alla professionalità di Nicola Giotti... leggi tutto...
IMAGE “In vino veritas”: Fallacara in nomination come...

Nomination come miglior attore protagonista per il giovinazzese Fabrizio Fallacara al Lima Web Fest.Una segnalazione prestigiosa giuntagli grazie alla sua interpretazione magistrale in “In vino veritas”, la quarta webserie del regista ruvese Michele... leggi tutto...
IMAGE XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Gesù è in cammino con i suoi discepoli e parla loro in segreto della sua passione ormai prossima. leggi tutto...
IMAGE Un inizio sprint per l’ASD Ginnastica Ritmica Iris a...

Tornano a volare le giovani atlete dell’ASD Ginnastica Ritmica Iris. La nuova stagione è cominciata dal Palazzetto dello Sport “William Ingrosso” di Taviano, dove sabato 11 e domenica 12 si sono svolte le prime prove regionali.... leggi tutto...
IMAGE Nel Week-Hands 2hands e FAI insieme per il territorio

Una mattinata all’insegna del movimento, del buon cibo, della storia giovinazzese e della tutela ambientale. Si è svolto così, tra le bellezze paesaggistiche e le delizie della tavola, il secondo appuntamento di Week-Hands, previsto... leggi tutto...
 

XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XVI tempo Ord.B

 

Questo commento vuol essere una piccola riflessione su tre verbi portanti della Parola: "Sbarcando, VIDE molta folla e si COMMOSSE per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise ad INSEGNARE loro molte cose."

VIDE, COMMOSSE, INSEGNARE, questi sono i tre verbi che illuminano la parola di questa domenica, e che potremmo definire come i verbi del Pastore. Il primo verbo VEDERE lo troviamo spessissimo nei testi biblici, a partire dalla Genesi 1 "4Dio vide che la luce era cosa buona", all'Apocalisse, nell'Epilogo "8Sono io, Giovanni, che ho visto e udito queste cose...". Gesù VIDE...che non è il nostro vedere, anzi spesso il nostro non voler vedere, soprattutto quando il vedere ci pone davanti la fragilità umana nei suoi diversi aspetti sociali e familiari. Ricordiamoci che Dio non è come i nostri "idoli" che hanno occhi ma non vedono: Lui vede e provvede, nonostante le miserie umane. Il secondo verbo COMMOSSE. Se ci pensiamo bene l'accoppiata "Vedere e Commuovere" si trova spesso nei testi evangelici, vedasi: la vedova di Nain, il buon Samaritano, il Padre misericordioso"... Interessante poi che il termine "commuoversi" è un termine tipicamente femminile, che letteralmente dovrebbe tradurre "sentirsi smuovere il grembo", un po' come quando esprimiamo le sensazioni date da "un pugno nello stomaco, sentirsi le farfalle nello stomaco, mi ha preso lo stomaco..." che sono tutte forme per esprimere il termine commuoversi. Infine il terzo verbo: INSEGNARE. Non è un insegnare cattedratico, dall'alto verso il basso, perché Gesù, se notate bene, si pone sempre a sedere per due buone ragioni pedagogiche e psicologiche: la prima è mettere chi ascolta nelle migliori condizioni di ascolto (non si sta forse noi seduti nelle panche, più o meno comode, quando ascoltiamo la Parola o l'omelia?), e la seconda è che Gesù si pone alla stessa altezza di chi lo ascolta per non farlo sentire in soggezione, pur mantenendo tutta la sua autorevolezza e autorità umana/divina. Gesù educava la folla con la Parola espressa in parabole, per far passare il messaggio d'amore e di condivisione, il tutto chiamata "relazione". Quindi tutto ci porta alla "relazione" binaria, noi con Dio, noi con il prossimo (famiglia, chiesa, società). Dio/Gesù è quindi il Pastore che ha una relazione con tutti, per tutti, in tutti, ma personalizzata con ognuno di noi, per ognuno di noi, in ognuno di noi. Sta solo a noi accettarla e viverla con pienezza ogni giorno, per tutti i nostri giorni, fino alla fine dei tempi.

Commenti

  • Nessun commento trovato