IMAGE XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Maestro nella Legge, quale è il più grande comandamento? Gli rispose: ?Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. leggi tutto...
IMAGE G.S. Giovinazzo C5: al via la campagna abbonamenti

Pronto all’esordio in casa il G.S. Giovinazzo Calcio a 5. Il primo incontro casalingo avrà un sapore diverso: quello dell’A2 a lungo inseguita e finalmente raggiunta, ma anche quello di una dimensione nuova visto che si tornerà a... leggi tutto...
IMAGE “A due voci”: la storia d’amore tra madre e figlia

La gioia di diventare madre che si trasforma in preoccupazione alla notizia di una grave malformazione. Il desiderio di poter stringere quella bambina tra le braccia nonostante le difficoltà, lottando contro tutto e contro tutti ed ascoltando solo... leggi tutto...
IMAGE XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

La liturgia di questa domenica ci ricorda la risposta di Gesù ai farisei che volevano metterlo alla prova, chiedendogli se fosse lecito pagare a Cesare il tributo: ? leggi tutto...
IMAGE Piscitelli: “Fidens: sarà una stagione di...

«Sarà un anno di transizione», queste le parole di Franco Piscitelli, presidente dell’ASD Fidens Giovinazzo 1970. «Vista l’indisponibilità del palazzetto di via Tenente Devenuto, ci concentreremo sul vivaio:... leggi tutto...
IMAGE “Nik e Dami”: la dolcezza del Giro d’Italia

Sport e cioccolato. Non la stravaganza di qualche atleta, ma una combinazione vincente a tutti gli effetti. Proprio come quella proposta da Nicola Giotti e Damaride Russi con le uova di cioccolato ispirate al Giro d’Italia. Il simbolo delle eccellenze che... leggi tutto...
 

XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XXIX Tempo Ord.A

 

La liturgia di questa domenica ci ricorda la risposta di Gesù ai farisei che volevano metterlo alla prova, chiedendogli se fosse lecito pagare a Cesare il tributo: ?

La liturgia di domenica scorsa ci ha presentato un re che fa una festa di nozze per il figlio. Alla festa vengono invitati i privilegiati, ma questi non accolgono l'invito perché occupati in altri lavori. Vengono allora invitati alle nozze tutti coloro che si trovano per strada, a condizione che abbiano la veste candida. Gesù presenta la salvezza come un banchetto di nozze a cui tutti possono partecipare, devono però avere il desiderio di tenere lontano il peccato. La liturgia di questa domenica ci ricorda la risposta di Gesù ai farisei che volevano metterlo alla prova, chiedendogli se fosse lecito pagare a Cesare il tributo: ? Mostratemi la moneta, date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio?. Dio ci sceglie perché ci ama e i doni che ha dato a ciascuno devono essere distribuiti durante la nostra vita nei confronti della società civile e verso Dio. L'uomo è di Dio ed egli è l'unico Signore della storia, nessuno, per grande che possa essere, sarà mai come lui. Solo a Dio noi dobbiamo rendere conto della nostra vita. La prima lettura tratta dal libro del profeta Isaia ci ricorda come, attraverso Ciro re di Persia, gli ebrei esiliati in Babilonia furono ricondotti in patria. Il Signore ha scelto il suo eletto, Ciro, che non conosce il Signore, ma questi lo ha reso potente e di fronte a lui nessun portone resterà chiuso. Dio, però resta l'unico Signore della storia, esiste solo lui al di sopra di tutti i grandi della terra. Spesso gli uomini sono attratti da personaggi emergenti nelle più svariate materie, dalla scienza, alle scoperte mediche, dalla scoperta di quanto esiste nel cielo al di fuori della terra, alla storia. Tutti noi, nel quotidiano, ammiriamo personaggi che compiono imprese memorabili e coraggiose, ma ci dimentichiamo del Signore che ha creato l'universo per noi, ce l'ha donato per la nostra felicità e ha concesso a grandi uomini di condurre positivamente il corso della storia. E' quindi lui che dobbiamo ringraziare per tutto quello che possediamo, per i carismi di ognuno, per le capacità personali che lui ci ha dato e quindi l'uomo deve ricordare sempre che Dio è l'unico Signore del mondo. Il ritornello ?Grande è il Signore e degno di ogni lode? tratto dal salmo 95/96 ci ricorda, che tutti i popoli della terra devono riconoscere come unico re il Signore. I versetti ci invitano a narrare a tutte le genti le sue opere e tutte le sue meraviglie. Tutti gli dei sono nulla, egli solo ha fatto i cieli. Date al Signore o popoli lode, gloria e potenza. Nella seconda lettura, tratta dalla prima lettera ai Tessalonicesi, l'apostolo Paolo riconosce come Chiesa quella comunità, ricordando che chiedono sempre grazia e pace per loro a Dio, al Figlio suo e allo Spirito santo e li ricordano sempre nelle preghiere. A noi è sempre presente l'operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza. Sappiamo che siete stati scelti da Dio, avete compreso la parola per mezzo della potenza dello spirito. Ancora oggi capita spesso, nelle nostre liturgie domenicali, di ascoltare con molta attenzione la Parola per poi dimenticarla, a volte già all'uscita della chiesa e di non metterla in pratica nella settimana, perché non ce ne ricordiamo più. Le prime comunità ci insegnano il segreto per ricordare e comprendere veramente il significato della Parola: essi pregavano lo Spirito Santo che oggi è forse il grande dimenticato della Trinità. L'apostolo Matteo in questa domenica ci ricorda come Gesù con la sua solita franchezza riconosca il tributo da dare a Cesare, ma ribadisca che a Dio deve essere dato quello che è di Dio. I farisei volevano prendere in fallo Gesù ed allora mandarono da lui una delegazione e insieme agli Erodiani gli chiesero se fosse lecito pagare il tributo a Cesare. Gesù, che li conosceva bene, sapeva che erano ipocriti e si rendeva conto della loro malizia rispose: ?Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio? Disse ancora loro che era lecito dare a Cesare il tributo dovuto, anzi usa un termine diverso: al posto di dare usa il termine restituire.        Gesù parla in questo brano di restituire quello che hanno ricevuto; per Gesù è uno scambio: i farisei hanno ricevuto da Cesare dei servizi e loro devono pagare il tributo dovuto per questi servizi. Potremmo definirlo il discorso di Gesù come un discorso di finanza; egli, infatti, invita i farisei a restituire a Cesare quello che è di Cesare, cioè a restituire il tributo dovuto per quanto essi hanno ricevuto dai romani: strade, mercati, affari. L'uomo però deve restare di Dio; nessuno, per grande che possa essere, può appropriarsi della sua mente, della sua coscienza, del suo cuore. L'uomo è stato creato da Dio a sua immagine e quindi deve tornare a lui nella sua integrità. Dicevamo che il discorso di Gesù può essere definito un discorso finanziario e ci sembra che questo discorso possa essere molto valido anche oggi per i difficili momenti che il mondo vive. Troppe persone non pagano il tributo cioè le tasse dovute, anzi molti cercano di ?fare i furbi? e se ne vantano; purtroppo queste persone pensano di essere soli al mondo, di poter fare tutto, ma l'uomo deve vivere la comunità vera, ognuno di noi ha bisogno, per vivere, di tutti gli altri. E proprio a questi altri noi dobbiamo restituire tutto quello che abbiamo ricevuto in famiglia, istruzione, agi, confort, vacanze, religiosità. Quante persone, meno fortunate di noi, non hanno avuto quasi nulla e proprio perché ci sia nel mondo un'eguaglianza è necessario almeno pagare il tributo, per restituire almeno qualcosa agli altri. Infine sulla moneta oltre l'immagine di Cesare c'era scritto: ?divo Caesari? cioè al divino Cesare e quindi la moneta ovvero il tributo deve essere restituito a Cesare, ma l'errore sta nel definirlo ?divino?: questo termine si deve dare solo a Dio.

 

Commenti

  • Nessun commento trovato