IMAGE XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Maestro nella Legge, quale è il più grande comandamento? Gli rispose: ?Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. leggi tutto...
IMAGE G.S. Giovinazzo C5: al via la campagna abbonamenti

Pronto all’esordio in casa il G.S. Giovinazzo Calcio a 5. Il primo incontro casalingo avrà un sapore diverso: quello dell’A2 a lungo inseguita e finalmente raggiunta, ma anche quello di una dimensione nuova visto che si tornerà a... leggi tutto...
IMAGE “A due voci”: la storia d’amore tra madre e figlia

La gioia di diventare madre che si trasforma in preoccupazione alla notizia di una grave malformazione. Il desiderio di poter stringere quella bambina tra le braccia nonostante le difficoltà, lottando contro tutto e contro tutti ed ascoltando solo... leggi tutto...
IMAGE XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

La liturgia di questa domenica ci ricorda la risposta di Gesù ai farisei che volevano metterlo alla prova, chiedendogli se fosse lecito pagare a Cesare il tributo: ? leggi tutto...
IMAGE Piscitelli: “Fidens: sarà una stagione di...

«Sarà un anno di transizione», queste le parole di Franco Piscitelli, presidente dell’ASD Fidens Giovinazzo 1970. «Vista l’indisponibilità del palazzetto di via Tenente Devenuto, ci concentreremo sul vivaio:... leggi tutto...
IMAGE “Nik e Dami”: la dolcezza del Giro d’Italia

Sport e cioccolato. Non la stravaganza di qualche atleta, ma una combinazione vincente a tutti gli effetti. Proprio come quella proposta da Nicola Giotti e Damaride Russi con le uova di cioccolato ispirate al Giro d’Italia. Il simbolo delle eccellenze che... leggi tutto...
 

XXVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XXVIII Tempo Ord.A

 

La liturgia di questa domenica ci presenta un re che fa una festa di nozze per il figlio. Alla festa vengono invitati i privilegiati, ma questi non accolgono l'invito perché occupati in altri lavori

La liturgia d domenica scorsa ci ricordava, attraverso le parole del profeta Isaia, il difficile rapporto che è sempre esistito fra il Signore e il suo amato popolo. Il popolo è paragonato ad una vigna e il Signore è il vignaiolo. Un uomo possedeva un terreno, lo curò, lo attrezzò al fine di farne una vigna eccellente, vi mise vitigni pregiati, vi inserì un torchio ed una torre e poi lo diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quella vigna non diede i frutti sperati ed il vignaiolo la abbandonò. Nella liturgìa odierna, Il Signore ricorda che spesso dei frutti del nostro lavoro ne beneficeranno altri. Il Signore ci ha scelti per portare frutti, ma perché questo sia possibile è necessario che il cristiano sia inserito nella vita del Cristo attraverso la fede. . Vengono allora invitati alle nozze tutti coloro che si trovano per strada a condizione che abbiano la veste candida. Gesù presenta la salvezza come un banchetto di nozze a cui tutti possono partecipare; devono però avere il desiderio di tenere lontano il peccato. La prima lettura tratta dal profeta Isaia annuncia che alla fine del mondo il Signore convocherà tutti i popoli della terra per un banchetto e annunzierà che non esisterà più la morte e la sofferenza. Ai nostri occhi apparirà un banchetto preparato su un alto monte, contenente tutte le prelibatezze che gradiamo in vita. Allora il Signore su quel monte strapperà il velo che impediva di vedere e i popoli riconosceranno il Dio nel quale hanno sperato e creduto. Riconoscere il Signore sarà avere finalmente la pace promessa. Oggi viviamo le nostre giornate con la speranza di poter avere un giorno questa pace, ce ne ricordiamo nei momenti difficili della nostra vita,. La certezza di un domani vissuto alla presenza del Signore ci dona la forza per continuare il cammino incominciato? Con il ritornello del salmo responsoriale, tratto dal salmo 22/23, ?Abiterò per sempre nella casa del Signore? il salmista vuole ricordare l'amore di Dio per il suo popolo attraverso l'immagine del pastore e dell'ospitalità. I versetti ricordano il bellissimo e significativo canto che spesso si ascolta nelle assemblee domenicali. Sono versetti che consolano il credente, nella certezza che con il Signore la vita può essere vissuta senza temere alcun male, perché lui è con noi sempre. Nella seconda lettura, tratta dalla lettera ai Filippesi, l'apostolo Paolo ringrazia i fratelli cristiani di Filippi che hanno partecipato alle sue tribolazioni, la ricompensa verrà loro data dal Signore nostro Gesù Cristo. Ringrazia per la loro partecipazione, anche se lui ha ormai la forza che gli viene dal Cristo per affrontare la fame, il duro lavoro, la povertà, l'abbondanza, la sobrietà. Anche noi dovremmo essere capaci di partecipare e condividere le negatività che accadono ai nostri fratelli nella fede, siano essi parenti o amici o persone vicine, affinché attraverso la solidarietà trovino la forza per riprendere coraggio e ritrovare la strada giusta. L'apostolo Matteo, in questa domenica, ci ricorda che il Signore paragona il regno dei cieli ad una festa di nozze che un re predispone per il figlio; alla festa vengono invitati i capi degli israeliti, ma questi non accolgono l'invito portando delle scuse. Sono allora invitati i pagani, buoni e cattivi, purché abbiano l'abito nuziale, cioè l'impegno alla conversione. Il re entrò poi nella sala delle nozze per vedere i commensali e ne vide uno senza veste; dato che questi, alla richiesta del motivo per cui fosse senza abito nuziale, non seppe rispondere, il re comandò ai suoi servi di legarlo e gettarlo fuori, poiché ?molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti?. In questo brano di vangelo si possono considerare tre momenti importanti e diversi tra loro. La prima immagine è la sala che appare già preparata per una grande festa in occasione delle nozze del figlio. Vengono chiamati personaggi importanti, ma questi non accettano l'invito perché presi dai loro affari e la sala resta vuota. La seconda immagine è quella della strada, dove i servi trovano i partecipanti alla festa, personaggi buoni e cattivi, che accolgono l'invito e in poco tempo la sala si riempie.          Terza immagine la veste nuziale, cioè l'impegno dei partecipanti alla conversione, a tenere lontano dalla loro vita il peccato.                      La parabola vuole ricordare ai cristiani il grande banchetto che Dio prepara per tutti gli uomini, per annunciare loro la salvezza; spesso, però, questo banchetto resta deserto, perché oggi l'uomo è preso da molti affari, lavori, preoccupazioni, malattie, delusioni e proprio perché è infelice non ha il coraggio di partecipare alla festa preparata per lui.       Dio chiama alla festa tutti, buoni e cattivi, cerca l'uomo peccatore per farne un redento. Il suo compito è proprio: questo aiutare l'uomo a cambiare, a scegliere la strada giusta, ad intraprendere un cammino di redenzione che lo porti alla felicità, nella speranza e nella certezza di incontrarLo alla fine della nostra vita.                     La parabola finisce con un personaggio senza veste nuziale che viene legato e gettato fuori della sala, immagine di coloro che non ascoltano la parola del Signore: egli chiama tutti, ma non tutti sono pronti a seguirlo.

 

Commenti

  • Nessun commento trovato