IMAGE AFP: si ricominciA

Torna sui pattini, Giovinazzo. Lo capisci dai ragazzi dalla faccia pulita e dallo sguardo furbetto di chi ha appena fatto una marachella, ma che in realtà è solo felice di essere tornato a giocare. Eccoli, mentre si allenano divertiti sulla pista... leggi tutto...
IMAGE Odeion: a breve la riapertura e prossimamente anche...

«Non vedevamo l’ora di riaprire il sipario». Esordisce così Teresa Picerno, presidente della Fondazione socioculturale Defeo Trapani. L’auditorium Odeion, cuore pulsante della Fondazione, riaprirà presto i battenti. Dopo la... leggi tutto...
IMAGE BILANCIO POSITIVO IN QUESTA CHIUSURA D’ANNO SCOLASTICO...

Si è da poco chiuso un anno scolastico difficile, che ha visto le comunità scolastiche italiane impegnate nella complessa sfida della Didattica a distanza, nella sperimentazione di una nuova, diversa modalità di calibrare i processi di... leggi tutto...
IMAGE L'ARCICONFRATERNITA MARIA SS.DEL CARMINE IN COMUNIONE...

L’ARCICONFRATERNITA MARIA SS. DEL CARMINE, IN SEGNO DI COMUNIONE CON LA PARROCCHIA S. GIUSEPPE, APRE LA PRATICA DELLA NOVENA ALLA BEATA VERGINE DEL MONTE CARMELO. leggi tutto...
IMAGE XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

La liturgia di questa domenica ci ricorda il "sì" incondizionato che il Cristo dice al Padre per compiere la sua missione di salvezza. leggi tutto...
IMAGE Genchi: “Giovinazzo? Sarà stupendo giocare con un...

Dalla prossima stagione ci sarà anche Fabio Genchi a difendere la porta del G.S. Giovinazzo Calcio a 5. Trentacinque anni, barese, la sua è una famiglia di sportivi: «Siamo tre fratelli- racconta il neo portiere biancoverde- uno... leggi tutto...
 

II DOMENICA DOPO NATALE


commento

 

La liturgia odierna ci invita alla contemplazione dell'incarnazione, dell'umanizzazione di Dio nel figlio unigenito. Oggi la chiesa ci invita a fermarci davanti al capolavoro di Dio. Oggi la chiesa c'inviata a meditare, attraverso il prologo del quarto vangelo, sull'identità di un bambino che è la Parola di Dio, dall'eternità Figlio unigenito: "In principio era il Verbo". C'è un principio là dove la vastità deborda da tutte le parti? Dove non è dato di comprendere ma solo di adorare in silenzio? Silenzio attraversato da un messaggio inatteso e incredibile: "Il Verbo si è fatto carne". Questa rottura del silenzio ci permette di scoprire la presenza di Dio nella storia; la sua presenza in mezzo a noi e che impegna la nostra responsabilità nel fare una scelta decisiva tra accoglienza o rifiuto del suo progetto d'amore e di vita; il suo manifestarsi nelle vicende di un popolo. la colletta odierna ci invita a rivolgerci al "Padre di eterna gloria,... illuminaci col tuo Spirito, perché accogliendo il mistero del tuo amore, pregustiamo la gloria che ci attende come figli ed eredi del regno".

La prima lettura canta la "sapienza divina", canta la relazione che intercorre tra Dio e il creato, opera delle sue mani. Parla del viaggio che ha compiuto per porre la sua dimora tra gli uomini: "fissa la tenda in Giacobbe e prendi in eredità Israele".

Il cristiano non può considerare la sapienza come un dato acquisito una volta per sempre, valida in ogni tempo e circostanza. La tenda più che manifestare un dato acquisito e stabile, denuncia una volontà di progredire verso orizzonti nuovi, che non abbiamo ancora scoperto.

Siamo dunque chiamati a mettere in discussione il nostro sapere perché il cibo che offre la tenda, lo offre in vista di una nuova partenza; dobbiamo essere pronti a partire allo spuntare dell'aurora. Se si resta ermi si va contro la sapienza di Dio.

Lo spirito della tenda ci rende coscienti che il Regno non lo abbiamo ancora raggiunto ma che ci stiamo sempre di più avvicinandoci e per avvicinarci dobbiamo non abbandonare il sentiero, addentrandoci nella "selva oscura".

Il salmista unisce la sua voce a quella di Gesù, figlio di Sira, figlio di Eleazaro, di Gerusalemme per celebrare la Sapienza di Dio nel cosmo: l'unione di Dio con l'umanità ossia il mistero dell'incarnazione, esplicitato nell'antifona "Il Verbo si è fatto carne e ha posto la sua dimora in mezzo a noi".

Nella seconda lettura S. Paolo, sulla scia dello scriba Ben Sira e del Salmista, effonde il suo canto di benedizione nell'inno di ringraziamento a Dio, che "ci ha benedetti" in Cristo Gesù e per mezzo di Lui ci ha predestinati ad essere "figli adottivi" del Padre suo. Questa è la fede che lui (Paolo) ha trasmesso nella sua predicazione ad Efeso, per cui ora, grato a Dio, invita gli Efesini affinché "Il Dio del Signore nostro Gesù Cristo... illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati Ef 1,17-18".

Ma il centro della celebrazione odierna è l'annuncio dell'incarnazione contenuto nel prologo del Vangelo di S. Giovanni, che ci rivela l'identità di quel misterioso bambino, che oggi la Chiesa ci invita a meditare: " In principio era la Parola, la Parola era presso Dio e la Parola era Dio... si è fatta carne e ha dimorato tra noi, e noi abbiamo contemplato la sua gloria".

La notte di Natale la richiesta insistente di Mosè a Dio di mostrargli il suo volto si è realizzata: "Dio nessuno l'ha mai visto, ma il Figlio unigenito lo ha rivelato" perché nella carne di Gesù Dio ha reso visibile la sua gloria.

Cristo è appena venuto sulla terra e tutta la sua Chiesa ora si dovrà muovere con Lui per andare al Padre perché " Chi vede me vede il Padre". Dopo Gesù Cristo chi cerca Dio deve, per forza, passare attraverso il suo cammino di vera umanizzazione per essere presente al momento della resurrezione di Gesù, l'uomo Dio.

Ora contempliamo la discesa del Verbo nella carne dell'uomo. Ora inizia con noi e per noi il movimento di trasfigurazione e di elevazione che ci porterà a diventare figli nel Figlio: figli fragili chiamati a sempre rinascere dall'alto, ma anche figli sempre benedetti e amati.

Commenti

  • Nessun commento trovato