IMAGE RIFIUTI ABBANDONATI ANCHE NELL’EX SCALO MERCI DELLA...

Si forniscono continue segnalazioni e si riproducono sempre più frequenti comunicati, con tanto di documentazione fotografica, di discariche abusive su campi limitrofi alla cinta urbana e, in special modo, dell’abbandono di rifiuti su strade... leggi tutto...
IMAGE BEATO NICOLO’ PAGLIA O. P., “GLORIA CITTADINA” DI...

Un convegno, organizzato dalla Confraternita Maria SS. del Carmine, ne prospetta la sua canonizzazione. leggi tutto...
IMAGE IMMACOLATA CONCEZIONE B.V. MARIA

La liturgia oggi ci invita a contemplare Maria, la "piena di grazia. leggi tutto...
IMAGE L’appropriazione indebita da parte...

Quando è possibile configurare il reato? leggi tutto...
IMAGE STELLA DI BRONZO PER IL CENTRO VELICO GIOVINAZZO

Il Centro Velico Giovinazzo conquista la Stella di Bronzo al Merito Sportivo coronando così i suoi primi trent’anni di attività. Un bel momento per l’intero circolo e per il presidente Vitonofrio Crismale che ha ricevuto la... leggi tutto...
IMAGE IL MIGLIOR RISOTTO DEL NORD ITALIA E' GIOVINAZZESE

Il “Miglior Risotto” del Nord Italia è il “riso rosso rosso” ideato e cucinato a regola d’arte da Vincenzo Dinatale. Grande emozione per lo chef giovinazzese domenica 1 dicembre nel corso del “Festival della... leggi tutto...
 

XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XIX Tempo Ord.C

 

Bisogna vigilare attivamente e senza paura, nella speranza e nell'attesa che il Signore verrà, anche in questi tempi,

che sono dominati dall'ateismo e dallo scatenarsi delle forze del male, contro la Chiesa e i suoi figli, e il " piccolo gregge" diminuisce a vista d'occhio, quasi che la promessa si sia disciolta nel nullaLe promesse di Dio (Sap 18, 3.6-9).
Siamo partecipi del bene e del male del paese in cui viviamo, ma come testimoni della chiamata di Dio. Il fascio di luce, che attraversa la notte, che ha illuminato il cammino di Israele verso la terra promessa, liberandolo dall'Egitto, porterà anche noi alla liberazione. Anche per noi ci sarà una "Colonna di fuoco" e sarà la nostra guida durante il viaggio verso la terra promessa, che si presenta rischioso e pieno di trappole, lungo la strada che percorriamo per attraversare, anche noi, il nostro deserto. Si perché ogni terra promessa, per essere raggiunta ed abitata, deve essere attraversata, fiduciosi in colui che ci guida, nonostante le difficoltà e le asprezze del percorso.
Beato il popolo che appartiene al Signore (Sal 32, 1.12; 18-19; 20-22).
Siamo invitati a cantare con esultanza. Tutti cantano, sia i giusti che gli empi, ma "il canto degli empi è di breve durata" (Gb 25,5). Tutti cantano per Lui, ma il canto dei giusti per Lui è il più conveniente e a lui JHWH volge, benigno, il suo sguardo guardandolo da vicino.
L'esempio di Abramo (Eb 11, 1-2.8-19).
Il credente, discendente di Abramo, cavalier della fede e padre di tutti i credenti, è colui che crede senza vedere, solo perché ciò che sente è parola di Dio, che possiede senza avere alcunché in tasca, scommettendo sull'impossibile, abita nell'insicurezza e si sente garantito nonostante tutto appaia provvisorio e aleatorio. Ciò che possiede di suo è solo la fiducia in Dio ed è fiducioso nell'avvenire. Per credere bisogna essere poveri, poveri di spirito.
Bisogna avere fiducia e speranza (Lc 12,32-48).
Gesù di Nazaret esorta il suo "piccolo gregge" ad aver coraggio. a guardare avanti e a non temere perché la sua debolezza sul piano umano è ampiamente compensata dal favore del Padre di tutti che sta nei cieli. Prosegue dicendo che non è necessario attaccarsi alle ricchezze che di per se non sono necessarie. Ciò che è necessario è saper discernere quali siano i valori che non scadono mai e sono sempre spendibili.
Ci chiede anche di essere pronti "con la cintura ai fianchi e le lucerne accese"
consapevoli dei pericoli che ci minacciano, vivendo l'oggi in funzione dell'eterno.

Commenti

  • Nessun commento trovato