IMAGE RIFIUTI ABBANDONATI ANCHE NELL’EX SCALO MERCI DELLA...

Si forniscono continue segnalazioni e si riproducono sempre più frequenti comunicati, con tanto di documentazione fotografica, di discariche abusive su campi limitrofi alla cinta urbana e, in special modo, dell’abbandono di rifiuti su strade... leggi tutto...
IMAGE BEATO NICOLO’ PAGLIA O. P., “GLORIA CITTADINA” DI...

Un convegno, organizzato dalla Confraternita Maria SS. del Carmine, ne prospetta la sua canonizzazione. leggi tutto...
IMAGE IMMACOLATA CONCEZIONE B.V. MARIA

La liturgia oggi ci invita a contemplare Maria, la "piena di grazia. leggi tutto...
IMAGE L’appropriazione indebita da parte...

Quando è possibile configurare il reato? leggi tutto...
IMAGE STELLA DI BRONZO PER IL CENTRO VELICO GIOVINAZZO

Il Centro Velico Giovinazzo conquista la Stella di Bronzo al Merito Sportivo coronando così i suoi primi trent’anni di attività. Un bel momento per l’intero circolo e per il presidente Vitonofrio Crismale che ha ricevuto la... leggi tutto...
IMAGE IL MIGLIOR RISOTTO DEL NORD ITALIA E' GIOVINAZZESE

Il “Miglior Risotto” del Nord Italia è il “riso rosso rosso” ideato e cucinato a regola d’arte da Vincenzo Dinatale. Grande emozione per lo chef giovinazzese domenica 1 dicembre nel corso del “Festival della... leggi tutto...
 

XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO


foto XVIII tempo Ordinario

 

In questa domenica la liturgia ci vuole far capire che anche se la natura è stata creata per l'uomo, questi operando con le proprie forze per sottomettere la terra non si deve lasciar dominare dall'egoismo e dalla cupidigia ma deve sempre cercare solo ciò che è importante davanti a Dio.

La prima lettura tratta dal libro del Qoelet inizia con la frase: "Vanità delle vanità, tutto è vanità"; infatti le cose della terra non danno sicurezza, sfumano in un attimo. Anche chi ha lavorato tutta la vita bene con impegno e coscienza, dovrà lasciare poi i suoi beni ad altri che per possederle non avranno fatto niente: è vano, alla luce della fede, contare su di esse, poiché cosa ne viene all'uomo di tutte le preoccupazioni, di tutte le sue fatiche, di tutti i tormenti dell'anima per risolvere e realizzare le cose terrene? Il libro del Qoelet è un libro di contestazione, inizia e finisce con la parola "vanità". L'autore vuole evidenziare come l'uomo deve tendere in tutta la sua vita alle "cose del cielo", mentre spesso è tanto preso dalle cose terrene che non ricorda di essere stato creato per la realizzazione di un progetto che lo porterà a vivere eternamente in Dio. Il termine ebraico "hebel" significa "soffio" e solo un soffio durano infatti le cose terrene! Con il ritornello del salmo 89 "Signore, sei stato per noi un rifugio, di generazione in generazione" il salmista declama come tutti gli uomini possano ringraziare il Signore perché anche oggi la sua misericordia risplende su di noi. Preghiera profonda anche per noi chiedere al Signore di saziarci al mattino con il suo amore, esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni, sia su di noi la sua dolcezza e sia resa salda l'opera delle nostre mani. L'apostolo Paolo nella lettera ai Colossesi ribadisce la verità che già ora siamo risorti con Cristo anche se la pienezza di vita si manifesterà nella gloria. Paolo ci invita a pensare alle cose di lassù, e a tralasciare le cose terrene, a disfarci di tutte le cose negative che posseggono a volte il cuore dell'uomo, passioni che ci impediscono di vestire l'uomo nuovo perché ancora appesantiti dall'uomo vecchio. Ci invita anche a non dire menzogne gli uni agli altri, perché l'uomo nuovo che abbiamo vestito vive in Cristo egli è venuto per tutti gli uomini senza distinzione di razze. La società odierna in tante sue manifestazioni vive di illusioni, ma il cristiano deve con onestà dare testimonianza di ciò che è essenziale per una vita vera. La parola di Dio nella liturgia di questa domenica appare "contestatrice", tutte e tre le letture non fanno altro che contestare i comportamenti dell'uomo, anche quelli che possono sembrare positivi. Gesù nel brano di Vangelo di Luca, contesta il ruolo di arbitro che un tizio della folla vorrebbe assegnargli in una controversia fra due fratelli per una eredità. Cristo è venuto nel mondo per farci comprendere l'amore che Dio ha per noi. Egli ci dona il comandamento dell'amore che porta l'uomo alla condivisione fraterna, non per dire chi ha ragione fra due fratelli che si arrabbiano per un po' di soldi. Gesù disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell'abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Gesù contesta anche i progetti del ricco che pensa solo a costruire magazzini più grandi per contenere tutti i suoi averi che gli daranno la tranquillità di una vita futura agiata e comoda. Il ricco però non ha fatto i conti con la notte, cioè la morte, e viene definito stolto, infatti questa notte stessa la sua vita gli sarà richiesta. I bilanci che il ricco potrà presentare non sono quelli che contano di fronte a Dio, i suoi sono solo bilanci terreni, ma a lui manca ciò che avrebbe dovuto praticare nella vita e cioè la fraternità e la condivisione donate spontaneamente, la gioia regalata agli altri, l'amicizia disinteressata, il dono gratuito, la fedeltà nell'amore vero. Gesù non condanna neppure la ricchezza in se stessa, ma condanna l'uomo che fa diventare la ricchezza l'unico suo Dio. Anche le cose terrene sono buone per Gesù e ci chiede solo di superarle pur usufruendone, e di condividerle con i fratelli bisognosi. Nel mondo di oggi si considerano le persone secondo quello che esse posseggono, non si tiene mai conto di quali sentimenti hanno nel loro cuore. Le apparenze non sempre sono esatte, molto spesso le persone più semplici e umili sono quelle che hanno valori spirituali grandissimi, hanno gli occhi limpidi e trasparenti perché puri.

Commenti

  • Nessun commento trovato