IMAGE CALA PORTO: DAL PIANO DEGLI ORMEGGI AL PIANO REGOLATORE

CHE FINE FANNO QUESTE PIANIFICAZIONI SPECIE SE PRIVE DELLA APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE? leggi tutto...
IMAGE XX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Gesù, nel vangelo di questa domenica fa un annuncio sconvolgente: "Sono venuto a portare il fuoco...ricevere un battesimo... a portare la divisione". leggi tutto...
IMAGE ASSUNZIONE DELLA B.V.M.

La festa dell'Assunta, che si posiziona nel cuore delle vacanze estive, ha una duplice veste: leggi tutto...
IMAGE DI PIERRO PRONTO PER LA TRAVERSATA CATALINA -LOS ANGELES

Inizia il conto alla rovescia per la nuova impresa di Daniel Douglas Di Pierro, nuotatore di fondo biscegliese d’origine, ma giovinazzese d’adozione visto che da anni si allena presso il Centro Sportivo Netium. Stavolta l’obiettivo... leggi tutto...
IMAGE ROMINA ILLUZZI ESPONE I CARNET DEL SUO VIAGGIO DI RITORNO

Giovinazzo raccontata attraverso gli acquerelli dell’artista. leggi tutto...
IMAGE TRAFFICO SOTTO CONTROLLO SULL’EX STATALE 16

Il Comando del Corpo di Polizia Locale ha deciso di mettere sotto controllo il Traffico automobilistico sull’intero tratto di strada dell’ex Statale 16 sia in direzione Molfetta che Bari. L’obiettivo è di poter rilevare infrazioni per il... leggi tutto...
 

IV DOMENICA DI PASQUA


foto IV di Pasqua C

 

La liturgia della scorsa domenica ci ha presentato la Chiesa che esce all'esterno per predicare a tutti la Parola del Signore.

La liturgia di questa domenica si svolge tutta intorno alla figura del "Pastore" e della sua "Incarnazione" in Cristo Gesù.

La prima lettura ci presenta gli apostoli Paolo e Barnaba che arrivati a Perge in Antiochia di Pisidia predicano l'annuncio cristiano cioè la novità assoluta del Cristo Salvatore che diventa con la sua risurrezione il centro della storia. Paolo e Barnaba entrati nella sinagoga iniziano il grande discorso missionario che per coloro che vogliono seguire il Cristo significa non chiudersi nelle proprie case ma aprirsi al mondo intero sino agli estremi confini della terra. I Giudei, ai quali era destinato l'annuncio, non sono pronti ad accoglierlo e vista la grande folla che seguiva la predicazione dei due Apostoli, divenuti gelosi e anche impauriti per le moltitudini che li seguivano, sobillati i notabili e le pie donne del luogo fecero in modo che Paolo e Barnaba fossero perseguitati e mandati fuori dalla città. Segno di profonda divisione fra il mondo giudaico e quello dei pagani. Le scritture di un tempo sono state tutte un preannuncio di ciò che sarebbe avvenuto, il mondo ebraico ha atteso la venuta del Cristo ma non tutti hanno accolto il messaggio che lui predicava. Gli Apostoli non si fermarono al rifiuto dei "Giudei" ma se ne andarono facendo un gesto che ancora oggi leggiamo nel Vangelo: usciti dalla città si scrollarono dai sandali la polvere quale segno del rifiuto e si diressero verso quelli che erano contenti di accogliere il messaggio evangelico. Quante volte, nelle nostre assemblee domenicali, ascoltiamo la Parola e ci sembra di averla fatta nostra, poi, presi da mille attività ce ne dimentichiamo? Quante volte nelle nostre associazioni leggiamo la Parola e ce ne appropriamo, la facciamo diventare un nostro privilegio sentendoci come cristiani, tenutari della salvezza. Quante volte il Cristo vorrebbe entrare nelle nostre case per farle sue, ma noi non siamo pronti e disponibili all'incontro ed allora si scrolla la polvere dai sandali e passa oltre. Con il ritornello del Salmo responsoriale "Noi siamo suo popolo, gregge che egli guida" il salmista invita tutti i popoli della terra ad acclamare e servire con gioia il Signore, che è l'unico Dio di tutti noi che siamo il suo gregge, e stupendo è il terzo versetto "il suo amore è per sempre la sua fedeltà di generazione in generazione". Nella seconda lettura tratta dal libro dell'Apocalisse, l'apostolo Giovanni ci racconta di aver veduto una moltitudine immensa che nessuno poteva contare di ogni nazione, tribù, lingua, popolo, erano davanti al trono e all'Agnello in vesti candide e con in mano rami di palme. Costoro erano quelli che avevano lavato le loro vesti passando attraverso la grande tribolazione ed ora servivano il Signore ventiquattro ore al giorno e non avevano più fame né sete, e il Signore aveva steso su di loro la sua tenda e tergeva dal loro volto le lacrime. La Grande moltitudine che Giovanni vede è il nuovo popolo di Dio che non appartiene più solo ad una nazione, ma a tutti i popoli della terra. Per appartenere a questo popolo è necessario aver conosciuto la "sofferenza ed aver portato la croce". Far parte del "suo popolo" non significa essere preservati dalle sofferenze, dalle tribolazioni, oggi potremmo dire dagli insuccessi, dalla mancanza di lavoro, dalla precarietà del domani, ma significa passare attraverso la negatività della vita e uscirne "lavati" non soccombendo ma vittoriosi. Anche le lacrime sono segno di purificazione, solo allora potremo entrare sotto la "tenda" che significa entrare nell'intimità di Dio, e essere eternamente felici in lui. Giovanni nel vangelo si sofferma particolarmente sulla figura del Pastore e delle Sue Pecore. Il pastore conosce le sue pecore una ad una e le pecore lo ascoltano e sentono la sua voce. Nessuno potrà mai strappare le pecore al pastore perché queste le sono state date da Dio. Dio non può permettere che le pecore si allontanino, le ha date al Figlio, Cristo Gesù che diventa così immagine vivente del Padre. Conoscere, ascolto, voce, vedere, sono i termini che Giovanni mette in evidenza in questo racconto. Quando noi diciamo di "conoscere" una persona significa che, in qualche modo, siamo entrati in relazione con lei. Gesù entra in relazione con le sue pecore, cioè ognuno di noi. Siamo per lui, una cosa assoluta, non un qualcuno che fa parte di un grande numero. Egli ci conosce in tutta la nostra persona, conosce i nostri carismi, le nostre caratteristiche, le nostre negligenze, i nostri peccati, e ci ama così come siamo. Egli non permetterà a nessuno di portarci via lasciandoci liberi di agire nella nostra vita.

Commenti

  • Nessun commento trovato