IMAGE Turturro: “Non ho saputo dire di no al richiamo...

«All’inizio dovevo solo allenarmi in settimana–esordisce Antonio Turturro - ma poi Pino Marzella e Dino Camporeale mi hanno chiesto di dare una mano anche il sabato. In me scorre sangue biancoverde: non potevo dir loro di no».... leggi tutto...
IMAGE Un nuovo anno sociale per l’Associazione Italiana...

Con l’inizio del nuovo anno sociale la sede locale dell’Associazione Italiana Amici del Presepio è pronta a dare il benvenuto ai nuovi iscritti. Chiunque volesse iscriversi o ricevere maggiori informazioni, come precisato dai soci,... leggi tutto...
IMAGE BATTESIMO DI GESU'

La Chiesa oggi celebra la liturgia del Battesimo di Gesù leggi tutto...
IMAGE Piscitelli: “I due gol con il Pistoia? Li dedico a mia...

Ha una dedica tutta speciale la doppietta di Angelo Piscitelli nella vittoria 5-4 contro il Pistoia. Il pallone sotto la maglia, come esultanza, a mimare la dolce attesa di sua moglie Marianna: in arrivo un piccolo tifoso o una piccola tifosa che, tra un... leggi tutto...
IMAGE “In viaggio” con le mini tele di Ilaria Lafronza

Tempo di pandemia: l’impossibilità di fare tante cose, compreso viaggiare. Vero sì, ma “non per tutti”. Non per Ilaria Lafronza che, pur rimanendo tra le quattro mura domestiche, ha continuato a visitare i luoghi del mondo... leggi tutto...
IMAGE EPIFANIA DI NOSTRO SIGNORE

Epifania è una parola che deriva dal greco e che significa rivelazione, manifestazione. leggi tutto...
 

Piscitelli: “I due gol con il Pistoia? Li dedico a mia moglie”


 

Foto

 

Ha una dedica tutta speciale la doppietta di Angelo Piscitelli nella vittoria 5-4 contro il Pistoia. Il pallone sotto la maglia, come esultanza, a mimare la dolce attesa di sua moglie Marianna: in arrivo un piccolo tifoso o una piccola tifosa che, tra un po’, sarà sugli spalti a tifare per il papà capitano del G.S. Giovinazzo Calcio a 5. Una vittoria importante, quella contro i toscani, il secondo successo stagionale consecutivo e il primo del nuovo anno. Un passo in avanti nella lotta per la permanenza in A2 della squadra allenata da Miki Grassi.

«Era ora– dichiara Piscitelli - Due vittorie di fila fanno morale. Sono felice di come siamo partiti: abbiamo lasciato qualche punticino per strada, ma va bene così. Ora siamo quinti nel girone C e finalmente possiamo guardare la classifica (sorride Piscitelli, ndg)».

Dopo un inizio di campionato a singhiozzo, quanto è stata importante in questa fase così altalenante la voglia di giocare?

«È stata fondamentale: non è stato bello allenarsi senza poter giocare e adesso, che stiamo disputando le partite con più continuità, si sta vedendo. Sono molte le difficoltà di questa stagione così particolare, ma stiamo cercando di goderci comunque l’approdo in serie A2. Rispetto alla B il ritmo è completamente diverso: ci sono tanti professionisti e bisogna lottare fino all’ultimo secondo. Lo abbiamo visto anche nelle ultime due gare. Ogni partita, come dice l’allenatore, è una finale e come tale va affrontata con la massima concentrazione dal primo minuto fino al suono della sirena».

Lei è un senatore di questa squadra e sono tantissimi i giocatori che ha visto alternarsi: sotto quale aspetto il Giovinazzo targato 2020/21 è diverso dagli altri?

«Il punto di forza di questa squadra è la compattezza: siamo davvero un bel gruppo. I nuovi acquisti sono professionisti molto umili che si mettono a disposizione per il bene della squadra: nessuno vuole primeggiare. L’unico obiettivo di tutti è la salvezza. C’è tanto entusiasmo: peccato solo non poterlo condividere con i tifosi».

E nella lotta per la salvezza molto presto ci sarà anche l’ostacolo Capurso.

«Sabato ci aspetta una partita difficile: tra i baresi ci sono molti giocatori importanti. Sarà bello ritrovare poi un amico come Giuseppe Di Ciaula: strano, dopo due stagioni, giocarci contro. Al di là delle sue doti calcistiche, Giuseppe è una bellissima persona. Tra di noi si è instaurata una splendida amicizia e in vista della partita ci stiamo prendendo in giro da tempo. Cosa gli dirò prima della gara? Gli chiederò scherzosamente di farmi segnare un gol. In palio, oltre ai tre punti, c’è una bella birra gelata. Chissà a chi toccherà pagarla dopo il fischio finale».

Nell’attesa il laterale biancoverde gongola per il quinto posto in classifica e la doppietta realizzata.

«Aspettavo di segnare da tanto per poter dedicare la rete realizzata a mia moglie. Segnare è sempre bello, ma riuscirci e dedicare un gol, anzi due a Marianna e al nostro bambino è ancora più emozionante».

Commenti

  • Nessun commento trovato