IMAGE LA CHIESA DEL CARMINE PARLA DI BIODIVERSITA'

Presso la chiesa del Carmine in via Cattedrale nel centro antico, l’Arciconfraternita Maria SS. del Carmine ha concorso all’allestimento e sta ospitando la mostra fotografica sulla Biodiversità, leggi tutto...
IMAGE IV DOMENICA DI PASQUA

La IV domenica di Pasqua è la cosiddetta “domenica del Buon Pastore” con un richiamo molto forte alla dimensione vocazionale sacerdotale o alla vita religiosa; infatti celebriamo la giornata mondiale delle vocazioni. leggi tutto...
IMAGE Il ricordo della manifestazione del 25 Aprile di qualche...

In occasione del 25 aprile , anche quest’anno, si sono svolte le solite cerimonie di commemorazione nella villa comunale, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti politici e sindacali. La visione delle foto, mi ha fatto ricordare un... leggi tutto...
IMAGE RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

iscritta all’albo regionale delle O.d.V. (ex ONLUS) al n. 1883 ... leggi tutto...
IMAGE II DOMENICA DI PASQUA - DIVINA MISERICORDIA

Carissimi tutti , rinnovando i più sinceri auguri di una Pasqua rinnovatrice nel segno della speranza cristiana, con questa seconda domenica entriamo a pieno nella cinquantina pasquale che ci accompagnerà fino alla solennità di Pentecoste. leggi tutto...
IMAGE IL CORPO DELLA RISURREZIONE

Non c’è paura più grande della morte; non c’è desiderio più grande che vivere eternamente. leggi tutto...
 

Il ricordo della manifestazione del 25 Aprile di qualche anno fa


 

img088

 

In occasione del 25 aprile , anche quest’anno, si sono svolte le solite cerimonie di commemorazione nella villa comunale, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti politici e sindacali. La visione delle foto, mi ha fatto ricordare un episodio significativo della mia gioventù. Correva l’anno 1976, quando le discussioni dei ragazzi il sabato sera non erano se si va al sushi oppure al pub o in discoteca, ma se si andava a teatro, piuttosto che al cinema o a mostre o concerti o al massimo a fare una schitarrata al mare cantando Guccini, Degregori, Battisti e Dalla, e tre giovani artisti di belle speranze, tali Franco Cortese, Giuseppe Palmieri e Mimmo Miccione, all’epoca poco più che ventenni, idearono una performance (oggi parlerebbero di “installazione”) molto particolare da realizzare nella villa comunale, esattamente dove si trova il celebre monumento. 

img089

 

Si trattava della realizzazione di due scene che richiamavano, la prima, la strage del treno Italicus del 1974 e la seconda, la esecuzione di partigiani durante la resistenza. Nei pressi anche una mostra di quadri dei tre giovani e un cartellone che spiegava la installazione. Nella realizzazione grande aiuto fu dato dai tanti “ragazzi del CSEP”, eccezionale e unico esperimento di Centro sociale, fucina di democrazia,  realizzato a Giovinazzo, da cui poi tutto nacque, dal gruppo teatrale (poi moduloesse), a Radio Popolare, alla cooperativa agricola, ai gruppi musicali, fotografici, artistici nonché ai contributi nei grandi partiti politici di massa e in particolare di Democrazia proletaria (non sarebbe male se qualche storico a distanza di quasi 50 anni da quella esperienza, facesse uno studio su quella che è stata la massima esperienza aggregativa di giovani e lavoratori nella storia di questo paese). Furono acquisite tutte le autorizzazioni dal Comune e dai carabinieri, e il tutto fu sponsorizzato dai sindacati CGIL-CISL-UIL e soprattutto dalla locale sezione FIOM, all’epoca fortissima e organizzata struttura sindacale, che poteva contare su un grande numero di operai sia delle AFP che della MeCa.

 

img090

 

La performance ebbe un grande successo di pubblico e di critica e fu visitata da tantissimi cittadini sorpresi per qualcosa mai visto prima. La cosa ebbe tanto successo che fu replicata il 1 maggio presso la villa di Molfetta, sempre sponsorizzata dal Comune e dalle organizzazioni sindacali. Purtoppo però ci fu un intoppo…infatti alle 8,30 del mattino i carabinieri circondarono il sito della performance e portarono gli organizzatori in caserma, dove furono identificati e dove spiegarono che ci erano state proteste di privati cittadini “spaventati” dal sangue e dai cadaveri. Dopo poco tempo furono tutti rilasciati a seguito della immediata mobilitazione della Fiom molfettese e anche di Giovinazzo, i cui operai si ritrovarono protestando intorno alla caserma, nonché dell’intervento  dell’allora Sindaco di Molfetta, presidente RAI sen. Beniamino Finocchiaro, che si precipitò in caserma per spiegare il tutto e fare rilasciare immediatamente i ragazzi. 

 

img091

Commenti

  • Nessun commento trovato