IMAGE MARISA STUFANO: "IL BODY? NON UN SEMPLICE ACCESSORIO"

Coloratissimi, curati in ogni più piccolo dettaglio, briosi o elegantissimi i body nella ginnastica ritmica non sono un semplice costume, ma molto di più. Ne sa qualcosa la direttrice tecnica dell’ASD Iris Marisa Stufano:... leggi tutto...
IMAGE Generazione di fenomeni: i giovani che non si fermano

“Generazione di fenomeni” cantavano gli Stadio anni fa. Niente di più vero, soprattutto in questo periodo in cui sebbene i sogni, le ambizioni, lo stesso presente dei più giovani vengano messi a dura prova quotidianamente, sono... leggi tutto...
IMAGE CRONACA DI UN DISASTRO ANNUNCIATO

Il Collegio dei Revisori dei Conti sollecita l’Amministrazione all’annullamento di tutti gli atti del Dirigente del Settore Urbanistica e Lavori Pubblici leggi tutto...
IMAGE II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Le letture di oggi ci presentano un Dio in ricerca della nostra collaborazione. leggi tutto...
IMAGE Turturro: “Non ho saputo dire di no al richiamo...

«All’inizio dovevo solo allenarmi in settimana–esordisce Antonio Turturro - ma poi Pino Marzella e Dino Camporeale mi hanno chiesto di dare una mano anche il sabato. In me scorre sangue biancoverde: non potevo dir loro di no».... leggi tutto...
IMAGE Un nuovo anno sociale per l’Associazione Italiana...

Con l’inizio del nuovo anno sociale la sede locale dell’Associazione Italiana Amici del Presepio è pronta a dare il benvenuto ai nuovi iscritti. Chiunque volesse iscriversi o ricevere maggiori informazioni, come precisato dai soci,... leggi tutto...
 

C'È DEL MARCIO... A GIOVINAZZO


105455617 3303855722969787 2860887070379080128 n

 

Riceviamo dall' Osservatorio per la legalità e per la difesa del Bene Comune di Giovinazzo la seguente nota che pubblichiamo integralmente.

Sapevamo che la nostra realtà cittadina è da anni attenzionata dalla DIA.http://direzioneinvestigativaantimafia.interno.gov.it/semestrali/sem/2016/1sem2016.pdf?fbclid=IwAR2gU3iC9EXBm10Qj6kvyBEH9YRpGssryuw0Qkx5EIgaeDewwdpIDGDT-Tw  
Avevamo anche il fondato sospetto che Giovinazzo non fosse esattamente quell'isola felice che ci viene descritta.
Non immaginavamo però che i clan mafiosi avessero addirittura allungato i loro tentacoli fin dentro la nostra caserma dei carabinieri.

Dopo l'amara sorpresa, moltissimi giovinazzesi vivono in questi giorni l'angoscia di scoprirsi deboli, soli contro l'attacco della mafia locale e scossi nella propria naturale fiducia nelle stesse Forze dell'Ordine.
Soprattutto sconcerta constatare che questa penosa condizione di illegalità perdura incontrastata a Giovinazzo ormai da molti anni!

Ritornano profetiche alla memoria le parole dell'allora procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia, dott. Pasquale Drago, che in un convegno promosso dall'Osservatorio e da Libera nell'aprile del 2017, proprio sulla infiltrazione della criminalità organizzata, chiuse la sua splendida relazione chiedendo che fossimo noi cittadini a difendere il territorio.
Loro, Magistratura e Forze di Polizia, concluse, avrebbero fatto il possibile https://www.giovinazzoviva.it/notizie/l-ombra-degli-strisciuglio-in-citta-lo-dice-drago/?fbclid=IwAR2VFvEQ9uKY_tLdcjMaZHozlWoM2Iq9IwIO-R4uOA10OpPywHT7zFqrtuc 

Per qualcuno quelle parole risuonarono strane, ma i fatti di questi giorni dimostrano chiaramente, ancora una volta, che la delega della legalità non può esistere, che ciascuno deve sentirsi responsabile della propria Comunità, che tutti sono chiamati a comportamenti non solo leciti, ma anche eticamente corretti, perché l'intero tessuto sociale sia reso sano e forte e non offra così occasione e possibilità alla criminalità mafiosa di attecchire e prosperare.

Le cose da noi non sono andate come potevamo desiderare. Sono stati fatti degli errori e ci sono responsabilità da appurare.
È tempo ora di aprire gli occhi, di farsi delle domande, di tentare di capire, per limitare i danni e per prevenirne di peggiori. La Magistratura e i Carabinieri lo stanno facendo, con determinazione e coraggio. A loro va il nostro grazie più grande e la nostra vicinanza.

Ma è necessario che anche tutti noi, ad iniziare da chi è investito delle responsabilità amministrative di questa città, facciamo altrettanto, con serenità e onestà, accettiamo di guardarci dentro, senza fuggire, per capire se qualche nostro comportamento possa aver contribuito inconsapevolmente ad allargare quella "zona grigia", che funge da supporto alla criminalità organizzata, "terreno di coltura di tante trame corruttive", come ha ammonito il Presidente Sergio Mattarella.
Perché se esiste la mafia e dall'altra parte la legalità, esiste poi la "mafiosità", che è un modo di essere, di pensare e di agire, magari formalmente legale, ma che è quanto di più pernicioso per una Comunità.

La realtà di questi giorni parla da sé: la nostra Comunità è in pericolo e chiede aiuto. Ciascuno nel suo ambito, Magistratura, Forze di Polizia, Partito, Associazione, Scuola.., è chiamato a rispondere e ad offrire il proprio contributo.
Sarebbe da stolti girarsi dall'altra parte e fingere di non ascoltare.

Commenti

  • Nessun commento trovato