IMAGE CAMPIONI DI BALLO 2019, VENERDÌ 26 LUGLIO TORNA LA...

Simone Di Pasquale e Alessandra Celentano giurati d’eccezione all’eventoorganizzato da Dance Team Giovinazzo in piazza Vittorio Emanuele II leggi tutto...
IMAGE GIOVINAZZO ANCORA ESCLUSO DAI FONDI PER IL RISCHIO...

RESTA AL PALO L’OPERA DI DIFESA DELL’ “ANFITEATRO A MARE” leggi tutto...
IMAGE XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Il dottore della Legge, legge bene..., sa qual è il contenuto della Legge, leggi tutto...
IMAGE LA SOCIETA' DI RECUPERO CREDITI ED IL REATO DI MOLESTIA

La rilevanza penale delle chiamate insistenti leggi tutto...
IMAGE RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Nando di Modugno Rie Matsushita GIOVINAZZO, FONDAZIONE “DEFEO TRAPANI”: SABATO IL CONCERTO CON MATSUSHITA E DI MODUGNO E DOMENICA “SERATA OMICIDIO” Al teatro Odeion il 13 luglio “Forbidden... leggi tutto...
IMAGE PISCITELLI E G.S. INSIEME FINO AL 2020

È il rinnovato entusiasmo di Angelo Piscitelli uno dai primi “acquisti” del G.S. Giovinazzo Calcio a 5. Il laterale classe ’87 ha infatti rinnovato il suo contratto con la società di via Sanseverino fino al 2020.... leggi tutto...
 

PRESENTATO UN ESPOSTO ALLA REGIONE PUGLIA PER LA VELOSTAZIONE DI PIAZZA STALLONE


velostazione 1

 

Riceviamo e pubblichiamo integralmente un esposto che l' Associazione naturalistica Amici dell' Ambiente, della Flora e della Fauna di Giovinazzo ha inviato  al Presidente della Giunta Regionale Michele Emiliano, all' Assessore Qualità-Vigilanza dell’Ambiente Giovanni Francesco Stea, all' Assessore all’Urbanistica e Pianificazione Alfonsino Pisicchio, all' Assessore Infrastrutture per la mobilità Giovanni Giannini e p.c. alla Direzione Dipartimento Mobilità Urbana della regione Puglia

 

In data 28 giugno 2019 i giornali on-line locali hanno riportato la notizia della costituzione del Comitato di cittadini, abitanti nei pressi di Piazza “Michele Stallone”, presieduto dal sig. Giancarlo Marcon, che si è posto l’obiettivo di evitare che, nell’ambito dei giardini della loro zona residenziale, venga ad insediarsi la ciclostazione dedicata a “Franco Ballerini”. Al tempo stesso è stata resa pubblica la petizione dei cittadini rivolta a contrastare la decisione dell’Amministrazione civica di edificare la velostazione nell’ambito del parco pubblico, “Michele Stallone”, al fine di non alterare il contesto urbanistico della zona residenziale cui è stata localizzato il nuovo edificio, come complementare alla ciclopedonale urbana in corso di realizzazione. In sostanza, considerato che la ciclopedonale si stenderà lungo viale Marconi per collegarsi al fabbricato viaggiatori della ferrovia, è stato espressamente richiesto di costruire la velostazione, proprio sul sito prossimo all’accesso alla rete ferroviaria, potendo occupare parte di spazi di RFI, dismessi da tempo con la soppressione dello scalo merci FS. In tal senso è stata, altresì, rappresentata la necessità di salvaguardare l’intero contesto a verde della piazza “Michele Stallone” con un adeguato intervento di ripristino e di valorizzazione di quel parco pubblico da tempo trascurato e in parte degradato.
Con riferimento precipuo a questa vicenda, l’Associazione Naturalistica Amici dell’Ambiente, della Flora e della Fauna, attenta e sensibile alla tutela del verde pubblico, non può in alcun modo astenersi dal prendere una chiara posizione in soccorso al Comitato civico in parola e affermare con la presente la valenza delle riserve poste in evidenza con la lettera di accompagno della petizione in data 26 giugno u.s., a firma del sig. Giancarlo Marcon, diretta al Sindaco e al Segretario comunale, responsabile della Trasparenza (allegata in copia).

Già lo scorso 7 novembre 2018, l’Associazione avendo appreso del completamento della procedura per la costruzione della ciclostazione, con propria nota Prot. n. 18441, chiedeva al Comune di Giovinazzo di “…collocare negli spazi interni alla Stazione ferroviaria la velostazione di cui al progetto finanziato POR Puglia Fesr 2014-20, apparendo decisamente inopportuna e dannosa l’eliminazione di un’intera aiuola (ca. 200 mq) della piazzetta Stallone, in considerazione della limitata presenza di verde urbano in città, che abbisogna di essere incrementato piuttosto che depauperato…”.

Naturalmente quella richiesta non ha avuto alcun risposta né da parte della Amministrazione né tanto meno dalla Direzione Tecnica comunale che ha seguito l’intero iter della partita, dalla fase di predisposizione e approvazione del progetto, candidato al Bando POR 2014/2020 Asse IV Azione 4.4, della Direzione Mobilità della Regione, n.33/2017, fino all’ottenimento del finanziamento a completa copertura del costo dell’opera di € 236.434,83, di cui € 1.000,00 a carico del bilancio comunale.
Ragion per cui ci si vede costretti ad interpellare gli Organismi regionali con più specifiche osservazioni perché si indaghi sulla regolarità procedurale posta in essere dal Comune per questo intervento, finanziato dalla Regione, e si valuti più approfonditamente la compatibilità con gli strumenti urbanistici in vigore della infrastruttura in via di edificazione nella area destinata a verde pubblico.

A tal proposito preme segnalare che:
- Il progetto della ciclostazione, redatto a cura dell’Ufficio Comunale Lavori Pubblici e approvato dalla Giunta con Delibera n.23 del 18.02.2018 come struttura complementare alla ciclopedonale urbana in corso di costruzione, non ha mai avuto un assenso da parte del Consiglio Comunale né di alcuna Commissione comunale o Organismo consultivo esterno, visto che la Giunta medesima assunse formalmente la decisione di localizzare l’edificio in Piazza “Michele Stallone”, area destinata a verde pubblico;
- Non risulta sia stata messa in atto una particolare procedura amministrativa per modificare la destinazione di parte dei suoli della Piazza “Michele Stallone” a scopi di edificazione edilizia, sia pure di strutture a servizio pubblico, diversamente da quanto previsto dal Piano Regolatore. Si annota che i terreni, costituenti l’attuale parco pubblico “Michele Stallone”, furono, all’epoca della nuova espansione urbana degli anni ’70 e ’80 del secolo scorso, ceduti al Comune per divenire aree pubbliche a verde in conto alla pianificazione edilizia dei suoli di proprietà della famiglia Fenicia;
- Non è stato riscontato alcun procedimento di valutazione di compatibilità ambientale del progetto della velostazione, nonostante la sua edificazione comporterà la soppressione di piante risalenti alla costruzione della Piazza “Michele Stallone. I soli pareri in ordine alla valutazione tecnica e di fattibilità urbanistica dell’opera, nel contesto della piazza a verde, sono quelli espressi dallo stesso Dirigente del Settore Lavori Pubblici che ha redatto la progettazione;
- Né c’è stata mai una disamina dell’opera da parte di alcuna Commissione consiliare perché potesse esprimere un avviso sulla sua compatibilità con gli strumenti urbanistici. Lo stesso Piano comunale per la Mobilità Elettrica del Comune, ritenuto necessario per ottenere il finanziamento regionale, per quanto previsto dall’art. 2, c.4 del Bando regionale n.127/2017, fu predisposto in poco meno di un mese ed approvato, con non trascurabili contestazioni delle opposizioni, dal Consiglio Comunale, il 31 agosto 2018, senza una preventiva disamina di alcuna Commissione Consiliare;
- Non sono per niente condivisibili le chiarificazioni che gli Esponenti dell’Amministrazione danno in maniera del tutto informale via social, sostenendo la opportunità che la ciclostazione si insedi nel giardino di Piazza “Michele Stallone”, perché con tale realizzazione si potrà valorizzare l’area verde, oggi, trascurata e degradata.

Questa Associazione ritiene, in ultima analisi, che la sottrazione di aree pubbliche a verde per edificarvi la ciclostazione porti ad avere ricadute negative non solo sul contesto ambientale di quel quartiere, ma anche per la vivibilità stessa della zona residenziale. Non si può, infatti, negare che, con la installazione nello stabile della colonnina per la fornitura dell’energia per le auto elettriche, la struttura diventi, a tutti gli effetti, un’area di servizio per gli automobilisti.
In tal senso l’Associazione si fa portavoce dei rilievi del Comitato cittadino e si appella a codeste Autorità perché, nel valutare le ragioni dell’avversione all’insediamento della ciclostazione in Piazza “Michele Stallone” che ne riduce notevolmente l’area a giardino pubblico, si adoperino a che si sposti in altro sito più idoneo quella costruzione.

E’ inutile dire che, questo scritto sarà reso pubblico attraverso i canali informativi locali per cui ci si attende un cortese riscontro, allo scopo di fornire sull’argomento le necessarie comunicazioni ai cittadini cui l’Amministrazione civica disdegna di dare risposte.
Con i migliori saluti.

Giovinazzo, 05/07/2019                                               Il Presidente Prof. Giovanni Volpicella

 

Allegati:
Comunicazione del sig. Giancarlo Marcon
Lettera dell’Associazione al Sindaco
Pubblicazioni giornalistiche on-line sul tema a dibattito

Commenti

  • Nessun commento trovato