IMAGE A1: ASD Iris sesta nella prima tappa

Ottima prova dell'Asd Ginnastica Ritmica Iris nella prima tappa di serie A1.Al PalaVesuvio di Napoli sabato 20 febbraio il sodalizio presieduto da Nico Di Liddo si classifica sesto con 76,350 punti. Nella prima tappa trionfa S. Giorgio Desio (86,10) seguita... leggi tutto...
IMAGE PVA DENUNCIA: È ANCORA EMERGENZA AMBIENTALE IN...

Sono passati più di tre anni dalle nostre prime denunce sulla EMERGENZA AMBIENTALE in discarica e con rammarico constatiamo e siamo costretti ad informare la cittadinanza che, purtroppo, la situazione è ulteriormente peggiorata, se non addirittura... leggi tutto...
IMAGE UN VOTO DI SFIDUCIA, PER RIDARE FIDUCIA ALLA NOSTRA...

Venerdì 26 febbraio in Consiglio comunale verrà discussa la mozione di sfiducia a Sindaco e Giunta comunale presentata dai consiglieri di opposizione. Mozione di sfiducia che, di fronte a fatti così chiaramente illegittimi, diventa atto politico di... leggi tutto...
IMAGE I DOMENICA DI QUARESIMA

Con il Mercoledì delle Ceneri è iniziata la Quaresima, un tempo di grazia forte, per rivedere la nostra vita e riscoprire la bellezza di aver aderito a Cristo con il battesimo. leggi tutto...
IMAGE G.S.GIOVINAZZO: LA PREPARAZIONE ATLETICA AL TEMPO DEL...

«Cosa apprezzo di più del mio lavoro? – dichiara Giovan Battista De Gennaro, preparatore atletico del G.S. Giovinazzo calcio a 5-Far rendere al massimo gli atleti sia come singoli che come squadra, tutelandoli dagli infortuni e... leggi tutto...
 

Un nuovo anno sociale per l’Associazione Italiana Amici del Presepio di Giovinazzo


 

Foto 1

 

Con l’inizio del nuovo anno sociale la sede locale dell’Associazione Italiana Amici del Presepio è pronta a dare il benvenuto ai nuovi iscritti. Chiunque volesse iscriversi o ricevere maggiori informazioni, come precisato dai soci, può scrivere alla pagina facebook.

Un nuovo inizio dopo un 2020 difficile per gli appassionati dell’arte presepiale che, a causa dell’emergenza sanitaria, si sono visti “derubati” della loro realtà sociale e della mostra in presenza, divenuta quest’anno solo virtuale. C’è stato però qualcosa di buono anche durante le festività appena trascorse: la riscoperta del presepe da parte di molti.

«Visitando i numerosi gruppi di appassionati in rete- dichiara il segretario dell’associazione Giuseppe Lobasso- ho notato che quest’anno c’è stato un incremento di neofiti. Diversi anche i messaggi che abbiamo ricevuto: c’è stato chi ci ha chiesto consigli sulla colorazione e chi sulla scenografia. L’aspetto più importante è avere un’idea precisa della Natività che si vuol creare e far partire la realizzazione dell’intero presepe dai personaggi: è dalle loro dimensioni e dal periodo storico a cui appartengono che scaturiscono le caratteristiche della struttura e di tutta l’ambientazione circostante. Solo così si può creare un presepe proporzionato e coerente. E se si sbaglia qualcosa, poco importa: perché solo commettendo gli errori è possibile migliorare le proprie abilità».

 

Foto 2

 

Abilità che migliorano anche con l’esercizio durante i corsi che però, causa l’emergenza sanitaria in corso, non potranno riprendere a breve.

«Ci auguriamo, pandemia permettendo, di poter ricominciare nel periodo estivo. Nel frattempo continuiamo a pubblicare sulla nostra pagina social i tutorial sulle nozioni basilari e sulle novità emerse nell’ultimo periodo. L’arte presepiale, pur essendo legata alla tradizione, muta con il passare del tempo. Basti pensare all’ormai sempre più frequente uso del polistirene: un materiale che, sia per leggerezza che per l’eclettica resa estetica, ha sostituito il legno e la pietra. L’intera struttura del presepe ambientato nel centro storico, allestito per le festività del 2019, era di polistirene e pesava davvero poco, considerata la grandezza dell’opera: una cosa impensabile se fosse stata realizzata con i materiali utilizzati in precedenza.

Una novità ancora più recente– precisa Lobasso- è l’uso, anche nell’arte presepiale del microsaldatore. Questo strumento, prima adoperato solo dagli elettricisti, viene utilizzato oggi anche nei presepi per incidere il polistirene con maggiore precisione: non a caso ci è servito per realizzare il rosone e altri elementi architettonici della Concattedrale».

 

Foto 3

 

Da qui la necessità dei corsi per acquisire sempre più padronanza delle nuove tecniche: non solo un semplice aggiornamento, ma una preziosa occasione di incontro e collaborazione per i soci dell’AIAP giovinazzese.

«Per noi i corsi e, ancora di più, gli allestimenti delle grandi opere presepiali sono momenti fondamentali di condivisione: l’aspetto che più ci è mancato e che ci manca tuttora. Prima della pandemia lavoravamo insieme ai progetti in comune ed era fondamentale la collaborazione. Ognuno di noi è più capace in qualcosa: chi nella pitturazione, chi nella lavorazione ed eravamo soliti scambiarci idee, competenze, darci una mano o anche un semplice consiglio. Ciascuno di noi metteva a disposizione degli altri le proprie conoscenze ed abilità trasmettendo e imparando contemporaneamente. Proprio per questo auspichiamo, quando sarà possibile, di accogliere non solo per i corsi, ma anche nella nostra realtà associativa chiunque volesse farne parte per salvaguardare la tradizione e condividere la passione per questa antica arte. Chiunque fosse interessato, a iscriversi o a ricevere maggiori informazioni, può scrivere alla nostra pagina facebook. I corsi potranno essere frequentati anche dai non iscritti, ma solo chi farà parte delle nostra associazione potrà partecipare a tutte le attività, compreso l’allestimento del presepe per il Natale del 2021».

 

Foto 4

 

L’auspicio infatti è che in futuro si possa tornare ad allestire le Natività tutti insieme e a vederle prender forma pian piano arricchite di particolari, di ritocchi e delle idee di ogni singolo socio perché in fondo è proprio la condivisione l’aspetto che più ci manca e il dono che tutti vorremmo ricevere dal 2021.

Commenti

  • Nessun commento trovato