IMAGE L’ASD Iris incanta tutti a ritmo di musica

Volano da un successo all’altro le farfalle dell’Iris che trionfano all’Individuale Gold Junior-Senior della Zona Tecnica 5 e accedono alla fase nazionale, prevista dall’11 al 13 dicembre, a Montegrotto Terme (Padova). Quattro le... leggi tutto...
IMAGE Elisa Raguseo racconta la sua arte...

L’artista Elisa Raguseo si racconta in questo nostro incontro telefonico in un momento molto delicato in cui molte, se non tutte, le iniziative artistiche e culturali sono ferme a causa del Covid 19. Nonostante il lungo periodo di rallentamento delle... leggi tutto...
IMAGE I DOMENICA DI AVVENTO

Il tema di questa prima domenica di Avvento (e dell'anno liturgico) è la vigilanza. Le letture che proclameremo ci chiedono di restare svegli. leggi tutto...
IMAGE Illuzzi: “Non vediamo l’ora di giocare”

Ha tantissima voglia di tornare in pista Domenico Illuzzi (nella foto di Roberta Mirabile). Il campione giovinazzese, trapiantato a Lodi, non vede l’ora di poter riprendere a giocare. Finora solo quattro giornate ma già altrettante reti: tra queste... leggi tutto...
IMAGE AVVIATE LE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO DAL LICEO “MATTEO...

Hanno preso avvio le attività di orientamento del Liceo “Matteo Spinelli” di Giovinazzo per le iscrizioni all’a.s. 2021/2022.L’Istituto “Amerigo Vespucci” di Molfetta infatti, diretto dal prof. Carmelo... leggi tutto...
IMAGE Pina Demartino e la magia del Natale

Alzi la mano chi non si è mai incantato davanti a una sfavillante vetrina natalizia incorniciata da luci e fiocchi, ricca di addobbi di ogni genere. Colori, melodie e profumi che ci fanno tornare bambini e che, mai come in questo momento, possono... leggi tutto...
 

L’aula magna della Scuola Primaria “San Giovanni Bosco” è stata intitolata a Rino Cortese


Rino Cortese 1

 

Chi ci ha lasciato non è assente, è sì invisibile ai nostri occhi, ma è chiuso nello scrigno prezioso dei nostri ricordi”. Nel ricordo del compianto Rino Cortese, assistente amministrativo nell’ufficio di segreteria dell’Istituto Comprensivo “Bosco- Buonarroti” di Giovinazzo, venuto a mancare a ottobre del 2019, è stata intitolata, qualche giorno fa, l’aula magna della Scuola Primaria “San Giovanni Bosco” con l’affissione di una targa in sua memoria.

La cerimonia di intitolazione,della quale è stato informato tutto il personale docente e non dell’Istituto, si è svolta in numero ridotto delle persone presenti, visto il momento di emergenzaa a causa del COVID-19. Infatti, non è stato possibile riunire la comunità scolastica stretta nel ricordo di Rino Cortese, in questo intenso momento emozionale per rispettare il distanziamento. La cerimonia a scuola è stata curata dalla preside Maria Paola Scorza e seguita dagli stretti componenti della famiglia, dai docenti referenti dei tre ordini di scuola dell’Istituto Comprensivo, dal presidente del Consiglio Comunale Alfonso Arbore in rappresentanza dell’istituzione locale, dai rappresentanti del personale di segreteria e dei collaboratori scolastici. Il momento della benedizione è stato affidato a Don Massimiliano Fasciano, parroco della chiesa di Sant’Agostino.

Rino Cortese 2

 

Inizialmente, dopo la scomparsa di Rino Cortese, la moglie Bice Illuzzi aveva espresso il suo pensiero di lasciare un ricordo in sua memoria in quell’edificio, dove aveva prestato servizio, proponendo l’affissione di una targa nel giardino della scuola San Giovanni Bosco dove suo marito aveva piantumato diversi alberi da frutto dei quali da dieci anni personalmente si prendeva cura perché appassionato del verde. Questo non è stato possibile farlo perché quello spazio verde era stato destinato all’intitolazione in ricordo della dott.ssa Sabina Anemone a cura dell’associazione Fidapa. La preside allora pensò di proporre agli Organi Collegiali l’intitolazione di un altro spazio d’incontro presente nella scuola : l’ aula magna. Infatti, la preside Scorza espresse la sua proposta di intitolare l’aula magna, luogo d’incontro, di scambio e confronto collegiale a Rino Cortese in un collegio dei docenti dei tre ordini di scuola dell’Istituto Comprensivo tenutosi lo scorso inverno. La proposta della dirigente scolastica fu accolta all’unanimità con un caloroso applauso con l’accordo di decidere una data in cui organizzare un incontro aperto a tutti per svolgere questo momento. Purtroppo la pandemia, lo scorso mese di marzo, ha bloccato tutto; il momento fu rinviato e si è svolto agli inizi del mese di novembre. All’apertura della cerimonia nel corridoio antistante l’aula magna la preside ha rivolto il suo saluto. « Ho sentito fortemente questo momento che è partito dal cuore e che accomuna nella stima e nel rispetto tutta la comunità scolastica che porterà con sè un caro ricordo di Rino Cortese.Il mio collegio ha avuto grande piacere nell’intitolare a Rino la nostra aula magna, perché lui è stato un riferimento per tantissimi di noi, per la comunità scolastica tutta».

La benedizione della targa, curata da Don Massimiliano Fasciano, ha raccolto nella preghiera i convenuti e dopo la scoperta di questo elemento particolare posto a ricordo di uno dei protagonisti attivi della vita scolastica dell’istituto comprensivo sono giunte le parole cariche d’emozione della preside.

Rino Cortese 3

Rino Cortese 4

 

«Sono felice- ha affermato la preside Scorza- perchè il ricordo è stato voluto dalla comunità scolastica. Io sono passata prima dall’approvazione dall’ente proprietario poi dagli Organi Collegiali della scuola: collegio dei docenti e consiglio d’Istituto che hanno deliberato. Emozionante è stato il momento della delibera al collegio dei docenti dove ho fatto la proposta di intitolazione dell’aula magna. Tutti i docenti sono stati d’accordo, il mio collegio si è alzato in piedi e ha applaudito;dopo hanno votato all’unanimità, ragione che mi ha confortato di aver preso la giusta decisione.Rino è stato un riferimento,una persona con cui la sintonia è stata immediata, sulla stessa lunghezza d’onda. Ringrazio Dio che mi ha dato la fortuna di conoscerlo».

Rino Cortese 5

 

Sulla targa si legge “La sua presenza ha arricchito questi luoghi di benevolenza e allegria“. Dal pensiero espresso dalla dirigente scolastica, prof.ssa Maria Paola Scorza, sono emerse chiare le due parole presenti sulla targa “Benevolenza e Allegria“. «Quando si presentavano problemi di qualunque genere Rino Cortese aveva il dono di sminuire il problema- ha ricordato la preside. Ha lavorato con estrema professionalità e competenza: ne avvertiamo la mancanza. Lui -ha concluso la preside- aveva la capacità di creare un clima sereno, aveva un dono speciale: donare un sorriso».
L’aula magna è un luogo d’incontro, di confronto, di scambio esperienziale e di formazione oltre che di crescita culturale. Questa targa è, e sarà, una traccia ricca di significato proprio relativamente al ricordo di un uomo buono che ha profuso il suo pensiero di vita nella direzione della relazione umana e della convivenza civile e democratica.La sua ironia e allegria resteranno nei ricordi delle persone che l’hanno conosciuto.

 

Rino Cortese 6

 

Il pensiero della moglie Bice Illuzzi ha sentitamente ringraziato tutti coloro i quali hanno deciso di tributare questo onore a suo marito Rino Cortese e ha messo in luce elementi caratterizzanti la personalità di suo marito.

Ho scritto e riscritto molte volte questo messaggio di ringraziamento. I tempi e le strane e inedite vicende che stanno accompagnando le nostre vite ci costringono a vedere e rivedere i nostri programmi e anche le priorità delle nostre esistenze.Avevo puntato sui due sostantivi che sono stati incisi su questa targa: Allegria e Benevolenza. Mi piace pensare che Rino apprezzi la scelta di queste due parole. L'allegria è un’attitudine personale,un modo di guardare al mondo pensandolo colorato;la benevolenza, invece, bisogna coltivarla nel tempo con costanza e determinazione e Rino l’ha fatto,considerando quante persone lo ricordano con affetto. Rino credeva fortemente nel valore pedagogico dell’esempio e, per questa ragione, modello e rigore hanno caratterizzato la sua vita. Rispettoso delle regole, intendeva la scuola come un gran contenitore in cui le nuove generazioni possono –e devono- sperimentare il rispetto per l’altro, l’incontro, le relazioni, le scoperte intellettuali.Gli insegnanti e gli operatori della scuola non solo conducono le giovani generazioni lungo strade che non si conoscono affatto ma hanno il compito di accendere il desiderio della conoscenza e lo fanno operando nelle regole, con benevolenza e allegria, e trasferendo loro esempi edificanti. E’ questo l’augurio che a nome di Rino rivolgo a ognuno di voi, che avete scelto di intitolare proprio questo luogo, un’aula magna, dove, da sempre, hanno avuto spazio la creatività, lo scambio, la giovialità, la convivialità: che voi possiate continuare a credere con Rino nel valore dell’esempio affinché in questi luoghi sia permesso a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà delle vicende umane. Chiudo questo mio pensiero con una citazione di Claudio Magris. "La memoria è il senso della coralità di tutti gli uomini, anche di quelli in quel momento non visibili che essa scopre presenti. È dar vita agli assenti, è un atto d'amore. La memoria guarda avanti ma porta con sé il passato."

Questa iniziativa commemorativa ha avuto un pregnante risvolto sociale e solidale.La somma ricavata dalla donazione che tutto il personale docente e non docente dell’Istituto Comprensivo ha fatto e consegnato alla famiglia Cortese è stata in parte destinata, dalla moglie, in memoria di Rino Cortese, all’associazione Refugees Welcome Italia Onlus che si occupa dell’integrazione di persone immigrate in famiglia. Quest’ associazione si sta impegnando per creare una nuova cultura dell’accoglienza più umana e solidale. Un’altra parte la signora Bice Illuzzi l’ha donata alla scuola, nelle mani della preside, per far sì che si acquisti qualcosa per i ragazzi bisognosi.

L’aver conosciuto un uomo buono come Rino Cortese è stato un dono per tutto il personale dell’Istituto Comprensivo “Bosco-Buonarroti” che si è unito in un caro abbraccio alla famiglia perché “nel cuore di tutti Rino occuperà un posto speciale “ hanno affermato all’unisono.

Commenti

  • Nessun commento trovato