IMAGE XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Le letture di questa domenica hanno come tema l'obbedienza al progetto di Dio ed il Vangelo si sofferma in particolare sulla differenza tra "l'intenzione" e "l'azione", leggi tutto...
IMAGE Colamaria: “Sono umiltà e carattere a fare la...

Dici Tommaso Colamaria (nelle due foto di Max Ogliari) e pensi all’Hockey Roller Club Monza. La competenza e l’esperienza al servizio delle giovani leve. L’allenatore giovinazzese, sulla panchina brianzola dal 2013, per la terza stagione... leggi tutto...
IMAGE Touring Juvenatium: torna il concorso di poesia...

“Da l’Ambasciéte de Matremonie...o Spenzalizeie”: questo il tema della settima edizione del concorso di poesia dialettale organizzato dall’Associazione Culturale Touring Juvenatium con il patrocinio del Comune di Giovinazzo... leggi tutto...
IMAGE XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Le letture di questa domenica ci conducono a scoprire la differenza tra come pensano ed agiscono gli uomini e come pensa ed agisce Dio. leggi tutto...
IMAGE L’Iris apre le porte ai corsi per adulti

Ripartono i corsi dell’ASD Ginnastica Ritmica Iris. Stavolta non solo per le bambine, ma anche per gli adulti. Questa la grande novità.Le palestre riaperte in un primo momento solo per le ginnaste agoniste sono pronte ad accogliere non solo le... leggi tutto...
IMAGE RIAPERTURA IN SICUREZZA PER IL LICEO “MATTEO...

Dopo il difficile anno scolastico trascorso, che pure ha veduto tutto il personale e la comunità scolastica impegnarsi al massimo in una didattica a distanza i cui frutti sono stati, tra gli altri, gli eccellenti risultati conseguiti dagli allievi durante... leggi tutto...
 

“Project M”: dalla Puglia all’America


 

Foto 1

 

“Project M” sarà presente nella selezione ufficiale al Minnesota Web Fest 2020 e al New Jersey Web Fest 2021. Altre due prestigiose vetrine internazionali, una delle quali slittata al prossimo anno per via dell’emergenza sanitaria, conquistate dalla webserie diretta da Michele Pinto e scritta da Francesco Tammacco ed interpretata, tra gli altri, dall’attore giovinazzese Fabrizio Fallacara (nella foto tra il produttore Felice Caiati e il regista Michele Pinto).

La narrazione online è una vera e propria metafora che accende i riflettori sull’arte e sul suo ruolo di «via di fuga da una realtà sterilmente omologata – come si legge nel comunicato ufficiale diffuso dalla Morpheus Ego, produttrice della webserie - via salvifica verso la libertà che rende succubi dei potenti», un contesto nel quale «gli spiriti ribelli ed irrazionali come gli artisti diventano pericolosi e per questo incarcerati». La produzione è in collaborazione con il Carro Dei Comici, Casa Accoglienza S. Maria Goretti, Diocesi di Andria, Associazione Migrantes Liberi, Associazione di volontariato Salah.

Una lettura originale, quella proposta, che ha fatto breccia in numerose rassegne del settore.

“Project M” è stato infatti selezionato al London Short Series Festival, e, nella sua versione shortfilm, perfino tra i cortometraggi in concorso al David di Donatello 2019.

Ricca la bacheca della webserie che ha ottenuto, tra gli altri, anche il premio come Miglior Fantasy-Fantascienza al Tuscany Web Fest 2018, quello per il miglior episodio pilota, a livello internazionale, del Caorle Film Festival 2018, oltre ad aver ricevuto, tra gli altri, un riconoscimento all’International Webseries Trophy per la migliore regia e la migliore sceneggiatura, più nove premi ai Rome Web Awards 2017.

 

Foto 2

 

Soddisfatto Fallacara, il volto giovinazzese di “Project M”, in un cast di attori tutti pugliesi: «È sicuramente sempre un grande onore e piacere che Project M, a distanza di anni dal suo esordio (la pubblicazione risale al febbraio 2017, ndg), continui a riscuotere interesse nei più importanti festival internazionali come, in ultimo, il Minnesota Web Fest e il New Jersey Web Fest. La selezione della webserie in questi due ultimi festival americani - precisa l’attore - in questo particolare e triste periodo legato alla situazione epidemiologica da Coronavirus che sta interessando il mondo intero, assume poi una valenza ancora più forte. Mi auguro - l'auspicio di Fallacara - che Project M sia accolto dai festival americani come veicolo di speranza, di diffusione dell'importanza del fondamentale diritto alla libertà e un incisivo segnale per una pacifica condivisione».

Commenti

  • Nessun commento trovato